Studenti comunitari o equiparati, non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia ed italiani con titolo estero

Rientrano in questa categoria i cittadini comunitari (anche italiani), equiparati e cittadini non comunitari con regolare permesso di soggiorno in possesso di un titolo conseguito all’estero. Sono equiparati ai comunitari i cittadini di Norvegia, Islanda, Liechtenstein, Svizzera e Repubblica di San Marino; i rifugiati e i titolari di protezione sussidiaria, nonché il personale in servizio nelle Rappresentanze diplomatiche estere e negli Organismi internazionali aventi sede in Italia-accreditato presso lo Stato italiano o la Santa Sede-e relativi familiari a carico (solo coniugi e figli).

Disposizioni generali

Se sei cittadino italiano, comunitario o non comunitario regolarmente soggiornante con titolo estero, accedi all’Università alle stesse condizioni previste per i cittadini con titolo italiano, quindi senza limitazione di contingente e non devi sostenere il test di conoscenza della lingua italiana. Se hai intenzione di iscriverti al test di un corso di laurea a numero programmato leggi attentamente il bando di concorso sul nostro sito www.uniroma2.it. Inoltre alcuni corsi ad accesso libero prevedono obbligatoriamente una verifica della preparazione iniziale. Quindi leggi attentamente le istruzioni indicate nelle pagine del tuo corso di laurea.

Requisiti per l’ammissione

Per accedere ai corsi di laurea (triennali) e laurea magistrale a ciclo unico è obbligatorio avere un diploma di scuola secondaria conseguito all’estero dopo almeno 12 anni di scolarità e che ti consenta di iscriverti all'Università nel tuo Paese. Nel caso in cui il sistema scolastico locale preveda percorsi inferiori, è necessario dimostrare di aver frequentato l’università, superando i relativi esami, per un numero di anni pari al raggiungimento del requisito dei dodici anni, oppure essere in possesso di un titolo di studio post-secondario conseguito in un Istituto Superiore non universitario. E' inoltre richiesto il superamento della prova di idoneità accademica, ove prevista nel Paese d'origine (es. GAO KAO per la Cina, Vestibular per il Brasile, Selectividad in Spagna, ecc.). Per ulteriori dettagli sulla validità di titoli di studio conseguiti all’estero si vedano le procedure ministeriali pubblicate sul seguente link: http://www.studiare-in-italia.it/studentistranieri/, in particolare gli Allegati n. 1 e n. 2 per il titolo di High School Statunitense, il titolo britannico, il Baccellierato Internazionale ecc.

Per accedere ai corsi di laurea magistrale non a ciclo unico (biennali) è richiesto il conseguimento di un titolo accademico conseguito all’estero presso una università o titolo post-secondario conseguito in un Istituto Superiore non universitario che ti consenta nel tuo Paese il proseguimento degli studi presso istituzioni accademiche nel livello successivo.

Procedure di immatricolazione

Dopo aver superato le eventuali prove di ammissione o valutazione previste dal corso di studio, prima di procedere alla compilazione on line della domanda di immatricolazione, dovrai rivolgerti alla Segreteria Studenti Stranieri (piano terra Edificio Rettorato nei seguenti giorni: lunedì – mercoledì e venerdì dalle ore 9 alle ore 12 ed il mercoledì anche dalle ore 14 alle ore 16) per il controllo del titolo di studio. Dopo tale verifica la segreteria studenti stranieri ti rilascerà una dichiarazione attestante la regolarità del titolo che dovrai consegnare insieme a tutta la documentazione direttamente alla Segreteria Studenti di riferimento.

Quali documenti sono necessari per l’immatricolazione ad un corso di laurea/laurea magistrale a ciclo unico?:

  • Copia conforme del titolo finale degli studi secondari conseguito con almeno 12 anni di scolarità, con traduzione ufficiale in lingua italiana e legalizzato dalla Rappresentanza diplomatica italiana del Paese cui fa riferimento l’ordinamento scolastico del titolo conseguito. Tale legalizzazione non è dovuta se presente l’apostille Aja.
  • Dichiarazione di valore in originale del titolo finale degli studi secondari rilasciata dalla Rappresentanza diplomatica italiana di cui al punto precedente o attestazione rilasciata  da centri ENIC-NARIC  (In Italia, puoi consultare il sito del CIMEA ).
  • Qualora il titolo degli studi secondari sia stato conseguito al termine di un periodo inferiore a 12 anni di scolarità, va allegato:

a) il certificato attestante gli studi accademici parziali già compiuti con traduzione ufficiale in italiano e legalizzato dalla Rappresentanza Diplomatica italiana competente per territorio. Tale legalizzazione non è dovuta se presente l’apostille Aja.

b) Il titolo post-secondario conseguito in un Istituto Superiore non universitariocon            traduzione ufficiale in italiano e legalizzato dalla Rappresentanza Diplomatica italiana competente per territorio. Tale legalizzazione non è dovuta se presente l’apostille Aja.

c) Il certificato di corso propedeutico (foundation course) rilasciato dalle istituzioni di   formazione superiore italiane quale titolo integrativo del percorso scolastico estero.

  • Copia certificato attestante il superamento della prova di idoneità accademica   eventualmente prevista per l’accesso all’Università del Paese di provenienza (Selectividad in Spagna, Prova de Aferiçao o Prova Geral de Acesso ao Ensino          Superior in Portogallo, ecc..) con traduzione ufficiale in italiano e legalizzato dalla   Rappresentanza Diplomatica italiana competente per territorio. Tale legalizzazione non      è dovuta se presente l’apostille Aja.
  • Copia permesso di soggiorno (solo per i non comunitari regolarmente soggiornanti in       Italia).

  • Copia codice fiscale.

Quali documenti sono necessari per l’immatricolazione ad un corso di laurea magistrale (durata biennale)?:

  • Copia conforme del titolo accademico conseguito presso una Università o titolo         post-secondario conseguito in un Istituto Superiore non universitario che consenta in   loco il proseguimento degli studi presso istituzioni accademiche nel livello successivo; tale titolo dovrà essere corredato da traduzione ufficiale in lingua italiana e legalizzato         dalla    Rappresentanza diplomatica italiana competente per territorio.
  • Dichiarazione di valore in originale del titolo accademico rilasciata dalla            Rappresentanza diplomatica italiana competente per territorio o attestazione rilasciata      da centri ENIC-NARIC  (In Italia, puoi consultare il sito del CIMEA );
  • Certificato rilasciato dalla competente Università attestante gli esami superati (transcript) con traduzione ufficiale in lingua italiana e legalizzato dalla Rappresentanza   diplomatica italiana competente per territorio; nonché per ogni disciplina, i programmi   per il conseguimento dei titoli predetti. Il programma degli studi può essere attestato dal             “Diploma Supplement”, ove adottato.
  • copia permesso di soggiorno (solo per i non comunitari regolarmente soggiornanti in        Italia) ;
  • copia codice fiscale.

Attenzione:

Tutti i documenti redatti in lingua straniera vanno corredati di traduzione ufficiale in lingua italiana e legalizzazione consolare (gli interessati possono rivolgersi a traduttori locali e richiedere alla Rappresentanza italiana competente per territorio la certificazione della conformità della stessa traduzione. Tale legalizzazione non è dovuta se presente l’apostille Aja)

Tasse d’iscrizione

Le tasse universitarie vengono determinate sulla base dell’ISEE-U (Indicatore Situazione Economica e Patrimoniale Equivalente Università) ad eccezione di coloro che intendono pagare il massimo dell’importo. Maggiori dettagli saranno consultabili nella Guida dello studente dell’a.a.2017/18.
In caso di redditi e patrimoni percepiti all’estero la condizione economica e patrimoniale deve essere certificata con apposita documentazione rilasciata dalle competenti autorità del Paese ove i redditi sono stati prodotti, tradotta in lingua italiana dalle competenti rappresentanze diplomatiche o consolari italiane competenti per territorio e con cambio in euro.
Tale documentazione è resa dalle competenti rappresentanze diplomatiche o consolari estere in Italia per quei Paesi ove esistono particolari difficoltà a rilasciare la certificazione attestata dalla locale Ambasciata italiana e legalizzata dalle Prefetture/Uffici Territoriali del Governo.

Informazioni dettagliate sono consultabili sul sito: http://iseeu.uniroma2.it/