Chiarimento n. 10

Procedura aperta affidamento servizio di raccolta,trasporto e smaltimento rifiuti speciali

In relazione all’appalto di cui al Titolo, è pervenuta da parte di una Società una richiesta di chiarimento:

Quesiti:

1) Stante la rilevanza della stima delle quantità prodotte al fine della definizione dell’offerta economica rileviamo che il codice 18.01.04 è stato quantificato in 25 Kg.: se a tale codice sono riconducibili gli assorbenti igienici il quantitativo risulterebbe fortemente sottovalutato.
Si richiede conferma della classificazione del rifiuto e della stima del quantitativo prodotto.

2) Per quanto attiene alla frequenza della raccolta ci si riferisce alle norme in essere: nel caso ad esempio degli assorbenti igienici, così come in altre tipologie, la norma applicabile tollera ritiri con cadenza annuale ovvero al limite dei 20 m3, frequenza evidentemente poco compatibile con esigenze di tipo igienico.
Si richiede se è prevista una frequenza minima di riferimento da parte dell’Ente Appaltante.

Risposte :

1) nel richiamare l’oggetto dell’affidamento ed in particolare la prestazione riguardante la raccolta, il trasporto e lo smaltimento degli assorbenti igienici prodotti nei complessi universitari si rappresenta il fatto che il codice di riferimento di detti rifiuti è il 18.01.03 di cui a pag. 12 del capitolato tecnico di gara in cui vengono classificati come “Rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando le precauzioni particolari per evitare infezioni” e le cui quantità annue sono stimate in Kg. 2000. Il riferimento nello stesso capitolato agli assorbenti igienici di cui al codice 18.01.04 costituisce un mero refuso di stampa.

2) Riguardo al tema delle frequenze nelle attività di raccolta dei rifiuti, ed in particolare degli assorbenti igienici, si rinvia all’ultimo periodo della pag. 5 del capitolato tecnico di gara.

Il Responsabile del Procedimento
Dott.ssa Raffaella Pernazza