Febbraio Cultura e Società

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Febbraio 2017

La longue marche du cinéma afro-américain

di Isabelle Regnier

Fonte: Le Monde, 19 Febbraio

 

Un anno dopo la protesta “Oscars so white”, i festival cinematografici di inizio 2017 pongono in primo piano film dedicati  alla condizione dei Neri in America, raccontando l’ingiustizia  e una rabbia profonda rappresentata secondo schemi non convenzionali che ci dicono che qualcosa è cambiato.

Vedi allegato

 


 

 

Où les génies des langues se parlent

Fonte: Le Monde, 17 Febbraio

Il Mucem di Marsiglia ospita una esposizione a tema sulla traduzione linguistica che intende superare la sacralità dell’intraducibile e celebrare la benedizione delle lingue nell’atto che ha complicato e moltiplicato l’universale, rispecchiandolo in forme mai equivalenti e dai multipli sensi.

Vedi allegato


 

 

Vermeer, artiste du doute

di Philippe Dagen

Fonte: Le Monde, 23 Febbraio

 

Una esposizione al Louvre su Vermeer e i contemporanei maestri del genere, pur nella appartenenza a uno stesso milieu sociale, evidente dalla rappresentazione della quotidianità di soggetti e interni domestici quasi identici, mostra una differente pittura e capacità narrativa, che Vermeer disfa fino all’essenziale e al dubbio.

Vedi allegato

 


 

A century after the Russian revolution, a showcase of its art

Fonte: The Economist, 16 Febbraio

Alla Royal Academy, una importante retrospettiva sull’Avanguardia Russa tra il 1917 e il 1932, ispirata da una storica esposizione che si tenne nel 1932 a Leningrado e a Mosca, mostra l’inquietante doppio registro di una euforica rivoluzione politica, tecnica, intellettuale e artistica.

Consulta l’articolo:

 http://www.economist.com/blogs/prospero/2017/02/reds-whites-and-truths

 


 

Als ihn die Grenzer stoppten, schluckte er sein Gift

di Erhard Schütz

Fonte: Die Welt, 16 Febbraio

Una nuova biografia su Walter Benjamin rilegge la sua opera alla luce della sua vita precaria e del suo suicidio che segnò un’epoca, scandagliando figure concettuali del suo pensiero meno conosciute di quelle che ne hanno fatto una star del panorama intellettuale del secolo scorso.

Consulta l'articolo:

https://www.welt.de/kultur/literarischewelt/article162109386/Als-ihn-die-Grenzer-stoppten-schluckte-er-sein-Gift.html

 


 

Justice sans rémission

di Jean-Baptiste Jacquin

Fonte: Le Monde, 11 Febbraio

 

Il Parlamento francese sta approvando una riforma della prescrizione penale che ne raddoppierà i termini, senza violare l’art. 6 della Conv. eur. dei diritti dell’uomo, per rendere alle vittime, e non solo alla società, una piena giustizia dei crimini commessi che oggi le nuove tecniche scientifiche rendono possibile.

 

Vedi allegato

 


 

The Tate dives into the art of David Hockney

Fonte: The Economist, 14 Febbraio

 

La Tate Gallery presenta una retrospettiva del pittore britannico coraggiosamente omosessuale, noto per le sue superfici superesposte al sole e acquamarine, solcate da figure nude e abbronzate. Una superficialità che rivela lati più profondi.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/blogs/prospero/2017/02/making-splash

 


 

Gene editing, clones and the science of making babies

Fonte: The Economist, 18 Febbraio

 

I metodi riproduttivi senza rapporti sessuali e che combattono malattie genetiche stanno avanzando così velocemente da rendere opportuna ogni possibile questione etica, al di là di fantascientifiche fantasie e allarmi distopici, per non postporre il diritto alla salute dei bambini svantaggiati e non dimenticare i non nati.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/leaders/21717035-ways-reproducing-without-sexual-intercourse-are-multiplying-history-suggests-they-should

 


 

Why the American legal system is so flexible

Fonte: The Economist, 4 Febbraio

Un libro per accademici e studenti di legge illumina il ruolo della Corte Suprema e dei professori di legge in America nel definire la rule of law come regola interna al sistema scritto di norme oppure come strumento flessibile che importa i valori della società in divenire.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/books-and-arts/21716017-book-law-professors-illuminates-bitterly-contested-ideas-behind-fight

 


 

The giant shoulders of English

Fonte: The Economist, 4 Febbraio

Se una lingua franca è stata da sempre indispensabile per il progresso della scienza, una scienza monolingue presenta degli svantaggi anche nella sua diffusione. Senza rimpiazzare l’inglese come lingua di intermediazione, la scienza per fiorire deve essere multilinguistica.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/books-and-arts/21716016-advantages-having-scholarly-lingua-franca-should-not-obscure

 


 

Vingt-cinq ans après, le traité de Maastricht reste critiqué

di Marie Charrel

Fonte: Le Monde, 7 Febbraio

 

Venticinque anni fa veniva firmato il trattato di Maastricht, che ha fondato l’Unione Europea gettando le basi per l’adozione dell’euro attraverso la fissazione di criteri economici  che non sono riusciti a impedire le derive economiche degli anni successivi, e la percezione di una Europa disfunzionale.

Vedi allegato

 


 

Les années Lumière

di Thomas Sotinel

Fonte: Le Monde, 4 Febbraio

 

Le pellicole dei fratelli Lumière, i primi film della storia del cinema girati a partire dal 1895, restaurati  dall’Institut Lumière di Lione, mostrano un’invenzione commerciale consapevole sin dagli inizi di essere una forma d'arte e di rappresentazione.

 

Vedi allegato

 


 

“La La Land” and its lineage of escapism during rotten times

Fonte: The Economist, 6 Gennaio

 

 

Nonostante le tensioni politiche attuali, questo tributo alla storia di Hollywood e a un genere guardato per molto tempo con sospetto colpisce non solo per la sua capacità di evasione ma per la maestria della sua rappresentazione che ci mostra una America dalle molte risorse.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/blogs/prospero/2017/01/get-me-out-here

 


 

Hanna Harendt, la désobéissance en héritage

Fonte: Le Monde, 1 Febbraio

 

Un documentario di Ada Ushpiz riprende la figura della filosofa tedesca intervistata sui momenti più salienti della sua vita e del suo percorso intellettuale per testimoniare la produttività del suo pensiero, che ha descritto il totalitarismo quando Internet non esisteva, nei movimenti politici contemporanei.

Vedi allegato


 

 

A digital dive into Freud's mind

di Tara Bahrampour

Fonte: The Washington Post, 1 Febbraio

La Biblioteca del Congresso statunitense ha digitalizzato molti dei 20.000 articoli, soprattutto lettere, appartenenti a Sigmund Freud e miracolosamente scampati al Nazismo, che riscrivono questo pezzo di storia del pensiero umano come una vicenda di migrazione, sotto una luce di particolare attualità.

Vedi allegato

 


 

Arts Duchamp et la fable de la “Fontaine”

di Bernard Géniès

Fonte: L’OBS, 26 Gennaio

 

Quest’anno si celebra il centenario della “Fontaine” di Duchamp, l’orinatoio di porcellana diventato opera d’arte attraverso il gesto del ready made, una riappropriazione linguistica degli oggetti che ha inaugurato una tradizione di  martellate e altre esemplari performance pompando alle stelle il mercato dell’arte.

Vedi allegato

 

Allegati