Aprile 2017 Cultura e Società

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Aprile 2017

Charting trends in apocalyptic and post-apocalyptic fiction

Fonte: The Economist, 12 Aprile

 

Le narrazioni apocalittiche esprimono le paure della gente di fronte a reali cambiamenti tecnologici o geopolitici. Dalla seconda guerra mondiale la letteratura ha raccontato differentemente la fine dell’umanita: prima erano le piante carnivore, poi la guerra nucleare, oggi i robot e il cambiamento climatico.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/blogs/prospero/2017/04/writing-end-world

 


 

L’antiquité grecque 2.0

di Vincent Azoulay

Fonte: Le Monde, 14 Aprile

 La civiltà greca fiorita sulla concorrenza, priva di un potere centrale, delle città-Stato sembra ispirare il modello dell’economia della conoscenza della Silicon Valley,  ma dimostra anche come le innovazioni tecnologiche possono cambiare segno quando cambia il clima politico.

Vedi allegato

 


 

Zimbabwe’s mental health solution – “grandmothers”

di Ranga Mberi Harare

Fonte: The Guardian, 14 Aprile

 

 La salute mentale in Zimbabwe  è affidata a un programma che potrebbe diventare un progetto per gli Stati in via di sviluppo. In un Paese con poche risorse in cui uno su quattro soffre di malattie mentali, un approccio non convenzionale basato su una serie di colloqui con delle “nonne” esperte aiuta molte persone.

Vedi allegato

 


 

Marathon struggle of runner who changed athletics

di Alexandra Topping

Fonte: The Guardian, 19 Aprile

 

 

Kathrin Switzer, la prima donna che ha corso ufficialmente la maratona di Boston, nel 1967, quest’anno ha ripartecipato alla gara, compiuta con soli  25 minuti di differenza. E’ diventata un’icona del femminismo quando un funzionario arrabbiato tentò di buttarla fuori dalla corsa, fino allora riservata al sesso maschile.

Vedi allegato

 


 

“Les écrivains du XVIIe siècle parlaient du livre exactement comme on parle de l’intelligence artificielle aujourd’hui”

di Florence Noiville

Fonte: Le Monde, 7 Aprile

 

“Speak”, un romanzo di Louisa Hall, immagina un futuro vicino in cui grazie alle macchine acquisteremo una migliore comprensione di noi stessi  scoprendo la labilità dei confini tra le varie forme di intelligenza  e  altre incognite che sposteranno sempre più in là la frontiera del quid umano.

Vedi allegato

 


 

The security threat to the global economy

Fonte: The Economist, 6 Aprile

 

Le tensioni geopolitiche minacciano l’economia globale, ma allo stesso tempo le dispute e gli interessi economici non aiutano a risolvere i conflitti globali. Il mondo sembra incapace di gestire le crisi geopolitiche, e i problemi di sicurezza che oggi ci troviamo ad affrontare ricordano l’epoca della Società delle Nazioni.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/blogs/buttonwood/2017/04/half-league

 


 

Digital music tools are reshaping music education

Fonte: The Economist, 30 Marzo

 

La realtà aumentata può accrescere l’esperienza dell’apprendimento musicale attraverso programmi ispirati da videogames musicali e karaoke e dispositivi per computer, mentre  Youtube,  gli spartiti digitali e le  apps per smartphone hanno rimpiazzato i libri di scale.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/blogs/prospero/2017/03/casual-learner-era

 


 

Was heisst schon rechts, wo liegt links?

di Joachim Müller-Jung

Fonte: Die Frankfurter Allgemeine Zeitung, 12 Aprile

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista “Nature Human Behaviour”, la chimica e la morfologia del cervello influenzano non solo le emozioni e le decisioni, ma anche le tendenze politiche e le inclinazioni . Per questo a  certe discipline si dedicano prevalentemente menti conservatrici, mentre ad altre più spiriti di sinistra.

Consulta l’articolo:

http://www.faz.net/aktuell/wissen/forschung-politik-1/politische-hirne-was-heisst-schon-rechts-wo-liegt-links-14956223.html


 

Junge Europäer brauchen keine Religion

Fonte: http://www.faz.net, 6 Aprile

 

Da uno studio tedesco, “Generation what?”, che ha analizzato le risposte di 200.000 giovani di dieci Stati europei tra i 18 e i 34 anni, si può essere felici anche senza credere in un Dio. Una considerevole percentuale inoltre non esprime fiducia nelle istituzioni religiose.

Consulta l’articolo:

http://www.faz.net/aktuell/politik/ausland/studie-junge-europaeer-brauchen-keine-religion-14958370.html

 


 

L’historien Vincent Debiais décrypte le rôle des textes dans les images du Moyen Age

di Étienne Anheim

Fonte: Le Monde, 31 Marzo

Nelle immagini medievali, lungo il filo della tradizione ebraico-cristiana, la scrittura non aderisce completamente alle figure, ma è nello scarto e nella distanza rispetto ad essa che la materia prende vita di fronte allo sguardo in movimento dello spettatore.

Vedi allegato

 


 

“Queer British Art” explores the diversity of desire

Fonte: The Economist, 5 April

Una nuova esposizione alla Tate Britain mostra cronologicamente lungo il periodo tra il 1861 e il 1967 in che modo i pittori manifestarono nelle loro opere “sessualità e identità di genere non convenzionali” nascoste e vietate, levando allo stesso tempo il velo della “purezza artistica” al tradizionale nudo femminile.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/blogs/prospero/2017/04/adding-colour

 


 

Looking good can be extremely bad for the planet

Fonte: The Economist, 5 Aprile

 

 

L’industria dell’abbigliamento ha un notevole impatto ambientale sia per le sostanze chimiche usate per produrre i tessuti sia per il consumo di gas serra. Anche se alcune firme hanno tentato una via più ecologica occorre sviluppare nuovi materiali e confezionare dei prodotti più durevoli.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/business-and-finance/21720200-global-clothing-production-doubled-between-2000-and-2014-looking-good-can-be


 

 

Europe’s future is multi-speed and multi-tier

Fonte: The Economist, 23 Marzo

Il futuro dell’Europa è a più velocità  e la crisi politica attuale deve far ripensare la struttura del suo progetto. Un modello a più strati sarebbe più inclusivo per quei Paesi che non riescono a tenere il passo, mentre consentirebbe una integrazione più profonda per il centro dell’eurozona.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/special-report/21719188-it-marks-its-60th-birthday-european-union-poor-shape-it-needs-more

 


 

Tailler l’Europe comme un rosier

di Arnaud Leparmentier

Fonte: Le Monde, 30 Marzo 2017

 

Dopo Brexit, l’Europa si deve ricostruire da una parte escludendo quei partner non assoggettabili alla politica delle regole e ai valori della democrazia, e dall’altra riallacciando il rapporto con i propri cittadini per ridurre il deficit democratico e preparare la strada per una Confederazione di Stati.

Vedi allegato

 


 

The two-year countdown to Brexit has begun

Fonte: The Economist, 29 Marzo

 

Il 29 Marzo il Regno Unito ha iniziato il processo di negoziazione per lasciare l’UE nella prospettiva di una “profonda e speciale partnership” con l’UE. Riaffermando la rottura con il principio europeo della libertà di movimento delle persone, Theresa May ha espresso la volontà di un accordo di libero scambio su misura. 

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/britain/21719758-it-leaves-britain-little-time-get-through-bulging-contentious-agenda-two-year-countdown

 


 

Can Europe be saved?

Fonte: The Economist, 25 Marzo

Una sofferenza economica prolungata, le grandi potenze non entusiaste dell’Europa l’hanno resa debole e divisa. Se un’Europa più unita non è possibile, una UE a più strati riuscirebbe ad attrarre Paesi molto differenti, ma questo richiede un cambio di mentalità, più delle modifiche ai Trattati.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/leaders/21719462-if-it-survive-european-union-must-become-lot-more-flexible-can-europe-be-saved

Allegati