Ricerca, Scienza e Conoscenza Settembre 2017

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Settembre 2017

Enhancing the education mission of European universities: A proactive response to change

Fonte: http://www.eua.be (European Universities Association)

 

L’insegnamento e l’apprendimento, interconnessi con la ricerca, hanno un ruolo centrale nel promuovere l’innovazione in un mondo che cambia. L’istruzione rende i cittadini soggetti attivi e responsabili, capaci di pensiero critico e di soluzione dei problemi, con un’attitudine verso il lifelong learning.

Vedi allegato

 


 

How do teachers teach? Insights from teachers and students

Fonte: http://www.oecd.org,

Secondo l’ultimo Teaching and Learning International Survey (TALIS) le pratiche educative strutturate sono quelle più usate nelle classi di matematica, considerando le condizioni restrittive dell’insegnamento, come la scarsa disponibilità di tempo, che vanno a scapito di strategie più innovative e orientate sullo studente.

Vedi allegato

 


 

Tertiary enrolment exploding but benefits vary – OECD

di Brendan O’Malley

Fonte: http://www.universityworldnews.com, 16 Settembre

 

Nella scelta delle loro carriere di studio i giovani dovrebbero avere più supporto ed essere indirizzati verso un migliore equilibrio tra interessi personali e opportunità lavorative. Le aree delle STEM offrono le più alte percentuali di impiego e sono le materie in cui persistono di più le differenze di sesso.

Consulta l’articolo:

http://www.universityworldnews.com/article.php?story=20170916062103380

 


 

EU Funding for Universities

Fonte: http://www.eua.be/

Secondo l’Osservatorio annuale sul finanziamento pubblico dell’Eua, l’investimento pubblico nell’istruzione terziaria è diminuito. Il finanziamento dell’Europa è di fondamentale supporto, per il ruolo che le università svolgono nell’indirizzare le importanti questioni del nostro tempo, e nella salvaguardia dell’idea e dei valori europei.

Vedi allegato

 


 

EU focus on open science “detracts from research career efforts”

di Holly Else

Fonte: Times Higher Education, 16 Settembre

 

Il responsabile delle politiche della League of European Research ha dichiarato che l’agenda sull'open science dell’UE distrae la politica dagli sforzi che si rendono necessari per rendere più stabili e attrattive le prospettive di carriera degli 1.73 milioni di ricercatori europei, la più grande forza lavoro della ricerca nel mondo.

Vedi allegato


 

 

Awarding-and imagining-teaching excellence

di Andreas Schleicher

Fonte: http://www.oecd.org, 4 Settembre

In un’era in cui la conoscenza e le competenze rappresentano la chiave di accesso alla società e al mondo del lavoro, il migliore investimento e allo stesso tempo una merce alla portata di tutti, la qualità dell’insegnamento è diventata rilevante e valutabile quanto l’eccellenza nella ricerca.

Consulta l’articolo:

http://oecdeducationtoday.blogspot.it/2017/09/awarding-and-imagining-teaching.html

 


 

University of Rome II Tor Vergata- World University Rankings 2018

Fonte: https://www.timeshighereducation.com , 5 Settembre

 

Nei World University Rankings 2018 di THE la nostra università si è piazzata tra il 401° e il 500° posto. La nostra istituzione è apprezzata oltre che per la didattica e la ricerca, per la sua terza missione che promuove l'innovazione sociale e la crescita locale e per la sue strutture che combinano sostenibilità e bellezza.

Consulta l’articolo:

https://www.timeshighereducation.com/world-university-rankings/2018/world-ranking#!/page/0/length/25/name/Tor Vergata/sort_by/rank/sort_order/asc/cols/stats

 


 

World University Rankings 2018

Fonte: Times Higher Education, 5 Settembre

Nonostante l’incertezza suscitata da Brexit, le due università al top dei ranking mondiali continuano ad essere Oxford  e Cambridge, i cui finanziamenti alla ricerca provengono in buona parte da fondi europei. Rapporto col territorio, profilo globale e audacia hanno fatto la differenza.

Consulta l’articolo:

https://www.timeshighereducation.com/news/world-university-rankings-2018-results-announced

 


 

 

How do university rankings maintain their influence?

di Miguel Antonio Lim

Fonte: http://www.universityworldnews.com, 8 Settembre

 

Nonostante il relativo scetticismo che accompagna la loro pubblicazione, i ranking universitari rispondono al bisogno di una maggiore responsabilità nell’istruzione universitaria, e hanno sviluppato col tempo metodi più forti e dati più affidabili.

Consulta l’articolo:

http://www.universityworldnews.com/article.php?story=2017090513250829

 


 

EUA opinion poll on the impact of new simplification measures introduced for Horizon 2020

Fonte: http://www.eua.be/, 7 Settembre

L’Associazione delle Università europee (Eua) ha lanciato un sondaggio per testare i vantaggi e i potenziali impedimenti nelle procedure di partecipazione ad Horizon 2020 e semplificare l’amministrazione dei progetti di ricerca sviluppando nuove regole per il prossimo Programma Quadro europeo.

Consulta l’articolo:

http://www.eua.be/activities-services/news/newsitem/2017/09/07/eua-opinion-poll-on-the-impact-of-new-simplification-measures-introduced-for-horizon-2020

 


 

 

Do great minds think alike? The THE/Lindau Nobel Laureates Survey

di Jack Grove

Fonte: Times Higher Education, 31 Agosto

 

Mentre la pressione esercitata sugli scienziati affinchè producano risultati concreti e le restrizioni nei finanziamenti non favoriscono la ricerca fondamentale e i progetti rischiosi, il populismo e la polarizzazione politica contribuiscono a ignorare la realtà fondata sull’evidenza dei fatti e scientificamente provata.

Consulta l’articolo:

https://www.timeshighereducation.com/features/do-great-minds-think-alike-the-the-lindau-nobel-laureates-survey

 


 

Transition from school to work: How hard is it across different age groups?

Fonte: http://www.oecd.org, Agosto 2017

 

Nei Paesi Ocse il 36% dei giovani NEET non hanno un titolo di istruzione superiore. La scuola obbligatoria dovrebbe essere sostenuta da misure atte a prevenire l’abbandono scolastico degli studenti a rischio. I giovani dovrebbero avere una seconda chance di reinserimento educativo finalizzato all’ingresso lavorativo.

Consulta l’articolo:

http://www.oecd-ilibrary.org/docserver/download/1e604198-en.pdf?expires=1504521482&id=id&accname=guest&checksum=B80194BA0CD027F2627998F77106920D

 


 

École un débat de taille

di Aurélie Collas

Fonte: Le Monde, 2 Settembre

La riduzione delle dimensioni  delle classi scolastiche in Francia sta rilanciando una vecchia quérelle dalle radici  politiche e religiose sui modelli pedagogici consolidati, che tuttora non tengono conto dell’eterogeneità degli allievi. La riforma non è una panacea se gli insegnanti non sono preparati a insegnare.

Vedi allegato

 


 

Internet commence à bouleverser l’enseignement

di Éric Albert

Fonte: Le Monde, 1 Settembre

 

La formazione online rappresenta un immenso potenziale economico nel mercato dell’istruzione e allo stesso tempo un veicolo di cambiamento dei metodi di insegnamento. L’esistenza di Internet ha facilitato enormemente gli studi universitari e il lifelong learning.

Vedi allegato

 


 

The complex politics of teaching in English in HE

di Hans de Wit

Fonte: http://www.universityworldnews.com, 1 Settembre

 

Uno studio commissionato dal Ministero dell’istruzione olandese sulla scelta e politica linguistica nell’istruzione universitaria suggerisce un approccio più bilanciato che tenga conto degli obiettivi specifici dei programmi di studio e della sua influenza nell’uso della lingua nazionale, nella società e nella cultura.

Consulta l’articolo:

http://www.universityworldnews.com/article.php?story=20170829100757301

Allegati