Ricerca, Scienza e Conoscenza Ottobre 2017

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Ottobre 2017

EUA’s energy platform calls for universities to enhance their contribution to the energy transition and fight climate change

Fonte: http://www.eua.be/, 23 Ottobre

Le università svolgono un ruolo nella transizione energetica e nella lotta contro il cambiamento climatico sviluppando curricula e programmi che prospettano in ogni campo del sapere un mondo low-carbon e formano i cittadini di un futuro di conoscenza e prosperità.

 Consulta l’articolo:

http://www.eua.be/activities-services/news/newsitem/2017/10/23/eua-s-energy-platform-calls-for-universities-to-enhance-their-contribution-to-the-energy-transition-and-fight-climate-change

 


 

Higher education cooperation for development and the Sustainable Development Goals: report from the EARMA/EUA  seminar

Fonte: http://www.eua.be/, 19 Ottobre

 

In un recente seminario presso il Parlamento a Bruxelles di rappresentanti europei e delle università è stato elaborato un approccio integrato agli SDGs, basato su sinergie istituzionali e partnership tra i settori pubblico e privato, che sottolinea il ruolo centrale delle università nel promuovere il cambiamento. 

Consulta l’articolo:

http://www.eua.be/activities-services/news/newsitem/2017/10/19/higher-education-cooperation-for-development-and-the-sustainable-development-goals-report-from-the-earma-eua-seminar

 


 

World University Rankings 2018 by subject: engineering and computer science results out now

di Ellie Bothwell

Fonte: Times Higher Education, 17 Ottobre

 

I THE Rankings 2018 per materia rappresentano le università americane ai primi posti insieme a Oxford in ingegneria e tecnologia e computer science, ma riconoscono altresì la crescita massiccia delle università asiatiche in questi campi, segno di cambiamento politico sul ruolo trasformativo delle università nei paesi emergenti.

Consulta l’articolo:

https://www.timeshighereducation.com/news/world-university-rankings-2018-subject-engineering-and-computer-science-results-out-now

 


 

A shift to the global common good in higher education

di Lin Tian, Yan Wu & Niancai Liu

Fonte: http://www.universityworldnews.com, 20 Ottobre

  

Ispirato da un’idea di educazione che supera l’antitesi bene comune/bene pubblico con la nozione di sviluppo umano, il Center for World-Class Universities in Shanghai Jao Tong University si propone di coltivare i talenti, conducendo la ricerca più avanzata per il benessere dell’umanità su questo pianeta interconnesso.

Consulta l’articolo:

http://www.universityworldnews.com/article.php?story=20171018100006575

 


 

Teachers for tomorrow

di Andreas Schleicher

Fonte: http://www.oecd.org, 19 Ottobre

Il primo Qudwa Global Teachers Forum in Abu Dhabi ha delineato la professione dell’insegnante nell’era digitale. Come sempre, il compito dell’insegnamento è di aiutare tutti i discenti a comprendere le proprie aspirazioni. La tecnologia non può sostituire un cattivo insegnante, ma può sostenere un grande lavoro didattico.

Consulta l’articolo:

https://oecdeducationtoday.blogspot.it/2017/10/teachers-for-tomorrow.html

 


 

 

 

Why Europe needs an HE learning and teaching forum

di Michael Gaebel

Fonte: http://www.universityworldnews.com, 13 Ottobre

 

La necessità di valorizzare le competenze dei cittadini e dei lavoratori affermata dalla Commissione Europea ha spostato l’attenzione delle istituzioni universitarie e dei governi dalla eccellenza nella ricerca ai metodi di insegnamento e apprendimento per diffondere nuovi approcci didattici.

Consulta l’articolo:

http://www.universityworldnews.com/article.php?story=20171010152453597

 


 

Neurodiversity in Education

Fonte: http://www.oecd.org

 

L’aumento delle diagnosi di disturbi neuropsichiatrici dello sviluppo pone il problema di stabilire metodi di insegnamento e di valutazione e obiettivi scolastici adeguati per i bambini con disabilità nell’apprendimento. In particolare, evitare una valutazione non è una soluzione per delle classi inclusive. 

Vedi allegato

 


 

German researchers resign from Elsevier journals in push for nationwide open access

di Gretchen Vogel

Fonte: Science, 13 Ottobre

 

Le trattative tra un consorzio tedesco di ricerca e il gigante olandese Elsevier riguardanti un nuovo modello di pagamento che consentirebbe l’open access su scala nazionale degli articoli pubblicati si è concluso con le dimissioni di cinque scienziati dalle rispettive posizioni editoriali nell’azienda.

Consulta l’articolo:

http://www.sciencemag.org/news/2017/10/german-researchers-resign-elsevier-journals-push-nationwide-open-access

 


 

How could Macron’s “European universities” work?

di David Matthews

Fonte: Times Higher Education, 15 Ottobre

Il Presidente francese Macron ha lanciato la proposta di fondare entro il 2024 almeno 20 università europee come parti di un network di istituzioni già esistenti e con un curriculum di studi comune che consentirebbe la libera circolazione degli studenti tra i vari Paesi europei rafforzando il senso di appartenenza.

Vedi allegato

 


 

La Cité des sciences refait ses calculs

di Claire Bommelaer

Fonte: Le Figaro, 14 Ottobre

Di fronte alla rivoluzione tecnologica anche il museo della scienza parigino che in trent’anni ha attirato 89 milioni di turisti appare un po’ datato e si sta organizzando con un nuovo piano di investimenti per diventare più interattivo e digitale.

Vedi allegato

  


 

  

New Skills Agenda for Europe

Fonte: http://ec.europa.eu/

The New Skills Agenda for Europe mira a una formazione professionale di qualità per tutti i cittadini europei, come anche alla spendibilità  delle competenze acquisite attraverso  una migliore comprensione dei titoli e la creazione di strumenti di informazione per le scelte di carriera e professionali.

Vedi allegato

 


 

 

Why innovation becomes imperative in education

di Dirk Van Damme

Fonte: http://www.oecd.org, 4 Ottobre

L’innovazione non riguarda solo le tecnologie ma anche i mutamenti sociali. Una educazione aperta alla rivoluzione della digitalizzazione e dell’intelligenza artificiale richiede una scuola connessa con il mondo esterno del business e delle comunità locali e leader del cambiamento.

Consulta l’articolo:

http://oecdeducationtoday.blogspot.it/2017/10/why-innovation-becomes-imperative-in.html

 


 

OECD Skills Strategy Diagnostic Report Italy 2017

Fonte: http://www.oecd.org/, 5 Ottobre

 

Questo report ritrae l’Italia in un faticoso avanzamento verso un’economia e una società basate sul possesso di competenze rilevanti, offrendo una serie di raccomandazioni per il raggiungimento degli obiettivi stabiliti dalle ambiziose riforme dell’istruzione e del lavoro messe in campo negli ultimi anni.

Vedi allegato

 


 

Reproductibilité en crise

Fonte: Le Monde, 4 Ottobre

Una scienza affidabile, su cui fondare delle decisioni razionali deve offrire al pubblico la possibilità di replicare e confermare i suoi risultati. La crisi della riproducibilità non significa che il sistema scientifico non possa essere migliorato attraverso più rigore e trasparenza.

Vedi allegato

 


 

Pioneer of “nudge” science and explorer of irrational decisions earns economics Nobel

di Adrian Cho

Fonte: Science, 9 Ottobre

Con poca matematica e uno stile limpido Richard Thaler ha sviluppato un modello che spiega la contraddizione apparente nel comportamento dell’agente economico sulla base di nozioni prese a prestito dalla psicologia e le neuroscienze e che hanno cambiato il volto dell’economia politica.

Consulta l’articolo:

http://www.sciencemag.org/news/2017/10/pioneer-nudge-science-and-explorer-irrational-decisions-earns-economics-nobel


 

 

A female Nobel winner: the enduring inspiration of the rarest of scientists

di Erika Mancini

Fonte: Times Higher Education, 29 Settembre

Anche se sempre più donne oggi scelgono una carriera scientifica, le scienziate non hanno la stessa posizione sociale dei colleghi maschi e non sono pienamente riconosciute nei risultati che ottengono. I rari Premi Nobel femminili dovrebbero ispirare le giovani generazioni.

 Vedi allegato

 


 

 

Internationalisation of HE needs to be replaced

di Fay Patel

Fonte: http://www.universityworldnews.com, 29 Settembre

L’internazionalizzazione dell’istruzione universitaria è un paradigma occidentale basato sull’egemonia della conoscenza del Primo Mondo. Il principio del “glocale”, adottato dall’Agenda 2030, significa la costruzione inclusiva e ambiziosa di forme di sapere che comprendono altre visioni del mondo.

Consulta l’articolo:

http://www.universityworldnews.com/article.php?story=20170927101224475[RC1] 

 


 

Timing is everything: U.S. trio earns Nobel for work on the body’s biological clock

di Gretchen Vogel & Erik Stokstad

Fonte: Science, 2 Ottobre

Tre scienziati statunitensi hanno vinto il Nobel in Fisiologia o Medicina per la ricerca sui geni che influenzano i ritmi circadiani determinando l’attività della maggior parte degli altri geni degli organismi. La dimostrazione dell’importanza fondamentale dell’orologio biologico ha aperto un intero campo di ricerca.

Consulta l’articolo:

http://www.sciencemag.org/news/2017/10/timing-everything-us-trio-earns-nobel-work-body-s-biological-clock

 


 

Le prix Nobel, science inexacte

di Nathaniel Herzberg

Fonte: Le Monde, 3 Ottobre

 

Anche i Nobel a volte sbagliano, ma la scienza va avanti. Le controversie suscitate dall’assegnazione dei premi dimostrano non solo l’esistenza di un sistema di potere, ma anche che la ricerca non è un cammino progressivo e lineare, e a volte si stacca dall’esperienza.

Vedi allegato

 


 

How do schools compensate for socio-economic disadvantage?

Fonte: http://www.oecd.org

Un ambiente favorevole alla didattica e delle risorse effettive sono correlati a una migliore performance degli studenti, contribuendo ad abbattere le disuguaglianze sociali. Lo stanziamento di fondi per le scuole svantaggiate migliora il rendimento generale nelle scienze, ma anche il supporto degli insegnanti conta.

Vedi allegato

 


 

 [RC1]

Universities are ready to contribute to the Future of Europe

Fonte: http://www.eua.be/

Nelle economie della conoscenza, il ruolo delle università e la loro missione di fare ricerca, educazione e innovazione riveste un ruolo centrale: orientano i cittadini nel mercato del lavoro in rapido cambiamento e allo stesso tempo promuovono i valori civili e il progetto europeo.

Vedi allegato

 


 

Publier. La course à l’abîme

di Pascaline Minet & David Larousserie

Fonte: Le Monde, 27 Settembre

 

Il sistema editoriale delle pubblicazioni scientifiche basato sulla vendita degli abbonamenti è costoso e restrittivo per quanto riguarda l’accesso alla conoscenza. Ma il monopolio dei grandi editori sta venendo meno con l’affermarsi di modelli alternativi di libero accesso.

Vedi allegato


 

UK science seeks “a new relationship with EU”

di Meredith Wadman & Adrian Cho

Fonte: Science, 20 Settembre

 

Dopo Brexit, il governo britannico non intende solo continuare la partecipazione ai programmi di ricerca europei, ma dichiara di voler fare della Gran Bretagna un posto attraente per i ricercatori di tutto il mondo, proteggendo la scienza dagli effetti di Brexit con un finanziamento extra.

Vedi allegato

 


 

Faculty promotion must assess reproducibility

di Jeffrey Flier

Fonte: Nature, 12 Settembre

Per rendere la scienza più affidabile è importante guardare al modo in cui vengono assunti e promossi i candidati presso le istituzioni universitarie. Non basta valutare come sarebbe un campo di ricerca senza il contributo di un ricercatore, ma conta anche la riproducibilità del suo lavoro e la sua capacità di autocritica.

 Consulta l’articolo:

https://www.nature.com/news/faculty-promotion-must-assess-reproducibility-1.22596

 


 

State of the Union: Ambitions need to be backed by boosting research and education

Fonte: http://www.eua.be/, 21 Settembre

Un’Europa leader nell’innovazione richiede investimenti ambiziosi nella ricerca e nell’istruzione. I programmi quadro europei sono il supporto della cooperazione continentale nell’università e nella ricerca, finanziando progetti che altrimenti non verrebbero sviluppati e sostenendo la competitività europea a lungo termine.

Vedi allegato

 

Allegati