Ricercatrice laureata a “Tor Vergata” scopre un nuovo modo di combattere il cancro

La ricerca “made in Italy” è stata recentemente pubblicata sulla prestigiosa rivista “Nature Cell Biology”

La biologa ricercatrice Flavia Michelini è prima firmataria di una ricerca sulla “molecola antisenso”, un sistema innovativo per la lotta al cancro. La Michelini si è laureata in Biologia Umana con la prof.ssa Maria Gabriella Santoro e in Biologia ed Evoluzione Umana con il prof. Marco Crescenzi presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, e ha vinto per tre anni consecutivi il premio per meriti accademici. Nel 2010 ha inoltre conseguito il premio “Sebastiano e Rita Raeli”, fondato nel 2006 dall’omonima coppia di coniugi.
Il suo dottorato di ricerca, focalizzato sulla formazione e lotta ai tumori, lo ha ottenuto nel 2014 a Milano, presso l'Istituto FIRC di Oncologia Molecolare IFOM. Ha proseguito il lavoro nello stesso laboratorio, completando la ricerca di cui è prima autrice e che è stata pubblicata su “Nature Cell Biology”, prestigiosa rivista accademica pubblicata dal gruppo di Nature.
Il punto di partenza è ciò che accade quando in una cellula l’acido deossiribonucleico (DNA) si danneggia: in questo caso intervengono alcune piccole molecole di acido ribonucleico (RNA). Il loro compito non è sintetizzare proteine, ma riparare il DNA. La ricerca su questo RNA “guardiano” ha fatto ipotizzare un modo per fermare tale processo. Applicandolo alle cellule tumorali, se si impedisse al loro RNA “guardiano” di accorgersi che il DNA è danneggiato si bloccherebbe anche la loro riproduzione, fermando quindi la diffusione della malattia nel paziente.
La dottoressa Michelini e i suoi colleghi hanno inoltre realizzato un breve video divulgativo sul loro lavoro, pubblicato a fine 2017 sui principali portali video della rete e visionabile qui: https://www.youtube.com/watch?v=_rALfxuJ0XE