È venuta a mancare Maria Donatella Gentili

La mattina del 16 settembre è venuta a mancare Maria Donatella Gentili, professoressa di Etruscologia e antichità italiche del nostro Ateneo

Una perdita che ha segnato profondamente i colleghi della Macroarea di Lettere e Filosofia e tutti gli studenti e allievi che l’hanno sempre molto apprezzata non solo per il suo sapere e per la sua capacità di trasmettere a tutti la sua passione per gli studi di Etruscologia, ma anche per la sua attenta disponibilità all’ascolto e al dialogo, per la sua gentilezza e generosità.

Maria Donatella Gentili ha speso gran parte della sua vita professionale a “Tor Vergata”, prima come collaboratore tecnico presso la Cattedra di Etruscologia e Archeologia italica e dal 2001 come ricercatore presso il Dipartimento di Storia, ora Dipartimento di Storia, Patrimonio Culturale, Formazione e Società. Dal 1997 al 2001 ha partecipato, con compiti di responsabilità, allo scavo dell’abitato etrusco sul pianoro di San Giuliano, presso il comune di Barbarano Romano. Dal 2010, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica per l’Etruria meridionale, ha iniziato un’attività di scavo nel santuario italico di Lucus Feroniae (Capena, Roma)

La sua improvvisa scomparsa non le permette di partecipare il 21 settembre nell'Antiquarium di Lucus Feroniae alle Giornate Europee del Patrimonio 2019 e di presentare il Progetto Feronia: La dea a Lucus Feroniae: i doni, i devoti, il culto, a cui molto teneva, nato dalla sinergia tra la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l'area metropolitana di Roma la Provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale e l’Università di Roma “Tor Vergata”.

Di Maria Donatella Gentili resta la sua passione per la ricerca, la dedizione all’istituzione e all’insegnamento e, soprattutto, la sua grande umanità.