Help Desk YUFE, le università europee locali più vicine alla società

L'alleanza Young Universities for the Future of Europe (YUFE) mira a creare un'università europea, ma anche ad avvicinare le comunità e le università locali. Uno dei primi passi concreti in questo campo sono gli Help Desk YUFE.

I cittadini europei chiedono, YUFE risponde

I cittadini delle regioni nelle quali sono presenti le Università YUFE attraverso il servizio di “Help Desk YUFE” avranno l'opportunità di porre domande su diversi argomenti: questioni legali, consulenza imprenditoriale, strumenti/applicazioni digitali, economia, studio, sviluppo delle competenze linguistiche.

Lavorare all’Help Desk YUFE, studenti e staff

Risponderanno alle domande dei cittadini europei gli studenti delle Università YUFE, sotto la supervisione del personale universitario. Lavorare all'Help Desk non solo fornirà esperienza pratica allo studente ma consentirà anche di guadagnare stelle YUFE, sulla base di accordi di apprendimento, e crediti ECTS, laddove gli Help Desk facciano parte dei curricula di studio. Al personale delle Università YUFE, gli Help Desk offriranno una piattaforma per interagire più strettamente con la società.

Tutte le informazioni per iscriversi e partecipare saranno disponibili all'inizio del 2021.

Gli Help Desk saranno dislocati nelle città, nei campus universitari oppure potranno essere gestiti online. L’iniziativa andrà a pieno regime a maggio prossimo. Le informazioni sulle rispettive sedi e sugli orari di apertura saranno disponibili per i cittadini delle regioni YUFE e per gli studenti e il personale delle università YUFE all'inizio della primavera 2021.

Vai alla sezione web di “Tor Vergata” dedicata al progetto YUFE

Per maggiori informazioni: //yufe.eu/citizens-and-cities/

Segui YUFE sui canali social:

Facebook: https://www.facebook.com/YUFEalliance/

Twitter: https://twitter.com/allianceyufe

Linkedinhttps://www.linkedin.com/company/young-universities-for-the-future-of-europe/

Instagram: https://www.instagram.com/yufe_alliance/

A cura dell’Ufficio Stampa di Ateneo