Da 'Tor Vergata' uno studio sulla patogenesi della malattia di Parkinson

Il lavoro coordinato dal prof. Michelangelo Campanella è stato pubblicato su Nature Molecular Psychiatry

È stato pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature Molecular Psychiatry un importante studio sulla patogenesi della malattia di Parkinson: The translocator protein (TSPO) is prodromal to mitophagy loss in neurotoxicity.

Il lavoro, coordinato dal Prof. Michelangelo Campanella del Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” ed in collabroazione con i centri di Neuroscienza della University of London (King’s College and University College) ha permesso l’identificazione di una proteina che predispone i neuroni alla malattia bloccando il controllo di qualità dei mitocondri operato dall’autofagia.

“Siamo felici dei risultati ottenuti – afferma il Prof. Campanella – e fiduciosi delle prospettive diagnostiche e terapeutiche di questa scoperta. La maggior parte dei casi di Parkinson non sono di natura genetica implicando la presenza di fattori, così detti prodromici, che in seguito a modifiche (siano esse di natura chimica, fisica o emozionale) innescano la degenerazione dei neuroni dopaminergici portando alla patologia. La proteina mitocondriale TSPO è sicuramente uno di questi fattori. Il Parkinson non è una demenza ed il soggetto è quindi conscio del decadimento muscolare che lo affligge: gli sforzi per prevenire la predisposizione neuronale e monitorare con precisione le fasi della malattia deve quindi essere una priorità. Siamo certi che con questo lavoro un nuovo percorso si aprirà. I livelli di TSPO possono essere monitorati attraverso tecniche di diagnostica per immagini, minimamente invasive e siamo già in possesso di agenti chimici in grado di modificane la funzione di TSPO.”

Lo studio è disponibile al seguente linkhttps://doi.org/10.1038/s41380-021-01050-z