Cittadinanza attiva e paritaria. La decostruzione degli stereotipi sociali per prevenire e contrastare la violenza di genere

Corso di formazione del Dipartimento di Studi letterari, filosofici e di Storia dell’arte - Crediti: 10 - Durata: 10 mesi - a.a. 2020-2021

Responsabile: Prof.ssa Francesca Dragotto
E-mail: corsocap@uniroma2.it - dragotto@lettere.uniroma2.it

Finalità

Il corso, rivolto ad un numero di almeno 30 partecipanti, replicabile nello stesso anno nel caso di un numero maggiore di richieste, ha una durata di dieci mesi, e ha come obiettivo quello di focalizzare l’attenzione sullo sviluppo di una cittadinanza attiva e paritaria, con conseguente riduzione di credenze e atteggiamenti sessisti, effetto, questi, di bias cognitivi e stereotipi di genere che, non riconosciuti per la loro normalizzazione socioculturale, guidano in modo non consapevole le azioni discriminatorie verso le donne. Azioni collocabili in punti diversi di una scala della violenza di genere - fisica, psicologica, economica (cfr. Convenzione di Istanbul) - che al suo grado estremo si manifesta con il femminicidio. Il corso ottempera inoltre alla direttiva n. 2/2019 del Dipartimento Funzione Pubblica per la quale “Le amministrazioni pubbliche devono prevedere moduli formativi obbligatori sul contrasto alla violenza di genere”.

Articolazione

Il corso prevede una articolazione in 4 moduli formativi, per un totale di 250 ore complessive di cui 50 destinate all’assimilazione individuale dei contenuti in vista della prova di restituzione conclusiva del corso.

-  I modulo: ambito delle prassi culturali e comunicative

Obiettivi formativi: far comprendere i meccanismi con cui gli stereotipi da sociali si fanno individuali per il tramite delle lingue e degli altri linguaggi costitutivi dei testi, determinando così, per tutta la durata della vita dell’individuo, opinioni precostituite insieme a una difficoltà strutturale nel riconoscerne l’azione. Evidenziare come rappresentazioni stereotipate di attitudini e ruoli dei due sessi possano inficiare le azioni contrasto della violenza di genere. Esplicitare il nesso tra singolo comportamento violento e modelli relazionali socialmente condivisi al fine di evitare letture della violenza come mera devianza individuale o come residuo arcaico o marginalità sociale.

-  II modulo: ambito socio-psico-pedagogico

Obiettivi formativi: acquisire consapevolezza di come si formino gli stereotipi e maturare consapevolezza e imparare a individuare i risvolti psicologici della violenza di genere in ambito lavorativo. Conoscenza del dibattito sulla dimensione sociale o psicologica dell’incorporazione dei modelli di genere per una integrazione dei diversi approcci.

- III modulo: ambito politologico e del diritto, anche comparato

Obiettivi formativi: acquisire consapevolezza delle dimensioni del fenomeno, di quanto previsto dalle leggi e dalle convenzioni internazionali, anche in materia di prevenzione

- IV modulo: ambito medico e sanitario

Obiettivi formativi: sensibilizzare e formare sugli effetti della violenza sulla salute mentale e psicologica della donna, aumentare la conoscenza del fenomeno della violenza sulle donne e la capacità di interazione ed assistenza alle donne che hanno subito violenza. Imparare a individuare i risvolti psicologici della violenza di genere in ambito lavorativo. Specializzare le competenze di operatori e operatrici in materia di individuazione e presa in carico della vittima (accoglienza, valutazione del rischio, passaggio in carico…)

Requisiti di ammissione

Il corso è rivolto a persone in possesso, come requisito minimo, di diploma di istruzione secondaria (di qualsiasi tipologia) desiderose di ampliare le proprie conoscenze e arricchirsi di strumenti utili a perseguire la piena realizzazione delle pari opportunità e dell’inclusione sociale.

È consentita la frequenza del corso o di uno o più dei suoi moduli anche a chi frequenti corsi di laurea triennali o magistrali dell’ateneo.

Elemento imprescindibile per accedere al corso di formazione è la motivazione personale in relazione all’ambito di conoscenza espresso nelle finalità.

Quote e modalità di iscrizione

La partecipazione è subordinata al versamento di una quota di importo pari a € 200,00

Per gli studenti e le studentesse, così come il personale di ateneo che prenderà parte a uno o più moduli formativi, è previsto l’esonero dal pagamento della quota di iscrizione e sarà rilasciato un attestato di frequenza.

Nel caso di iscrizione all’intero corso, per i membri della comunità accademica la quota di iscrizione sarà ridotta del 50%.

Per iscriversi al corso occorre:

  • andare su delphi.uniroma2.it,
  • scegliere “Area studenti”,
  • premere sul bottone C) - Si aprirà la pagina “Corsi di formazione”
  • premere il bottone 1) “Immatricolazione ai corsi di formazione”.

In caso di difficoltà, scrivere a corsocap@uniroma2.it

Sito web:
https://grammaticaesessismo.com/cittadinanza-attiva-e-paritaria-corso-di-formazione/

 

 

Allegati