Presentazione del libro sulla vita di Fiorenzo Magni campione di ciclismo degli anni '40

Roma 12 ottobre 2012

Il 12 ottobre 2012 a Roma nel salone d'onore del Coni è stato presentato il libro sulla vita di Fiorenzo Magni dal titolo "Magni il terzo uomo", scritto da Auro Bulbarelli vicedirettore di Rai Sport.

Fiorenzo Magni con una lettera inviata ad Auro Bulbarelli gli ha chiesto di scrivere un libro sulla sua vita: "sono arrivato a 90 anni, ho sempre detto di no a tutti ma credo sia giunta l'ora di scrivere un libro sulla mia vita e vorrei lo facessi tu".

Fiorenzo Magni, nato a Vaiano il 7/12/1920 in provincia di Prato, è stato soprannominato "il Leone delle Fiandre", per le sue tre vittorie consecutive in una delle "classiche del nord" più dure del ciclismo "il giro delle Fiandre". Ma era noto anche come "il terzo uomo", quale segno di distinzione rispetto ai due fuoriclasse della sua epoca, Fausto Coppi e Gino Bartali. E proprio Magni, il terzo uomo - a sottolineare la capacità e la determinazione a ritagliarsi uno spazio di rilievo, pur al cospetto di quei due "giganti" - si intitola il libro dedicato a Fiorenzo Magni, pubblicato da RaiEri.

Nella prefazione al volume scrive Sergio Zavoli, inventore del Processo alla Tappa televisivo al Giro d'Italia: «Fiorenzo Magni ebbe dalla sua la ventura di non somigliare né a Coppi né a Bartali, e quindi di essere, per dir così, pari a loro per prestigio e popolarità, ma con una personalità, anche agonistica, che per qualche verso addirittura sopravanzava i suoi due primari rivali. Egli riuscì dove nessun altro dei grandi campioni di quella storica stagione ciclistica potè essere credibilmente accostato al leggendario "leone delle Fiandre". C'era più di un motivo, a ben vedere, per dedicargli un'attestazione di pubblica stima non solo ricca, com'è nel suo diritto, ma persino sontuosa, per quel di più di ancora viva meraviglia e altrettanto rispetto che la sua vita intera - di persona, di campione, di sposo, di padre e poi di manager - gli ha attirato».

Con la conduzione del noto giornalista Marino Bartoletti sono intervenuti, oltre a Fiorenzo Magni (92 anni portati ottimamente) e Auro Bulbarelli (autore del libro), Gianfranco Comanducci vice direttore Rai, Alfredo Martini (classe 1921 e fraterno amico di Magni), il vice presidente del Coni Riccardo Agabio, Renato di Rocco Presidente della F.C.I e lo stesso Zavoli Presidente della Commissione Parlamentare di Vigilanza.

Anche una delegazione della sezione ciclistica dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata è stata invitata all'evento, erano presenti molti personaggi dello sport e della televisione: Nino Benvenuti (ex campione mondiale di pugilato), Andrea Bartali (figlio di Gino e Presidente della fondazione Gino Bartali), Alessandra De Stefano prima voce del ciclismo in televisione, Ernesto Colnago (costruttore di biciclette famose in tutto il mondo, all'epoca meccanico di fiducia di Fiorenzo Magni), Michele Bartoli campione di ciclismo degli anni '90, Beppe Conti (giornalista sportivo) Gigi Sgarbozza e Davide Cassani opinionisti Rai Sport e tanti altri ancora.

per vedere alcune immagini della cerimonia:
https://picasaweb.google.com/100559365034210175414/FiorenzoMagniIlTerzoUomo#