La ricerca fa sistema: “Tor Vergata” con AurorA-TT

(Data ultima modifica: 08/11/2017, Data pubblicazione: 08/11/2017, Autore: Scilla Gentili)
 
22 eccellenze tra Università, IRCCS e centri di ricerca hanno aderito alla chiamata per la costituzione di un fondo
 

L’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” è tra i partner della società AurorA-TT, che ha lanciato un fondo di Venture Capital da 50 milioni di euro dedicato al Trasferimento Tecnologico nel settore delle biotecnologie. Una scommessa che si propone di mettere a sistema la ricerca scientifica in Italia e renderla sempre più competitiva a livello globale.

Il fondo sarà costituito attraverso una campagna di fund raising ancora in corso. Guido Guidi, Presidente, Co-Fondatore e Partner di AurorA-TT ha dichiarato: “Ci sono tutte le premesse per trasformare scienza in impresa e trasformare il comparto in una sorta di “dipartimento di Ricerca & Sviluppo” unico al mondo”.

Il ruolo operativo principale di AurorA-TT consiste nell'identificare scoperte scientifiche promettenti nell'ambito di Università e Centri di Ricerca italiani per promuovere collaborazioni con società farmaceutiche e di biotecnologie in tutto il mondo.


Tra i partner, oltre a “Tor Vergata”, che hanno accolto l’invito: Università degli Studi Milano, Università degli Studi di Torino, Università degli Studi di Firenze, Università degli Studi di Pavia, Università degli Studi di Parma, Università degli Studi di Ferrara, Università degli Studi di Verona, Università degli Studi di Padova, Università degli Studi di Bari, Università Cattolica del Sacro Cuore, Università Campus Biomedico, Enea, BioIndustry Park Silvano Fumero, Istituto Nazionale dei Tumori Regina Elena, Istituto San Gallicano, Istituto Pasteur, Istituto Nazionale di Genetica Molecolare, Fondazione Ri.Med, PNI Cube e Cluster Lombardia Life Sciences.

Per ulteriori approfondimenti, il comunicato stampa ufficiale di AurorA-TT e le notizie su StartupBusiness e Economyup

 

 


StampaSu