Tor Vergata: una task force per il sisma

L’Ateneo si mobilita offrendo solidarietà e soccorso alle vittime del terremoto. E per gli studenti colpiti, niente tasse e un canale informativo preferenziale

Sei uno studente di Tor Vergata e il tuo nucleo familiare risiede in uno dei comuni colpiti?

Sin dalle prime ore successive al devastante sisma del 24 agosto, l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” ha offerto il proprio concreto aiuto alle popolazioni colpite con l’immediata attivazione di una task force operativa: «Il Servizio di Prevenzione e Protezione d’Ateneo, nella persona del responsabile Dottor Marco Sciarra – spiega il Rettore Professor Giuseppe Novelli – con la sua squadra tecnica di assistenza e nell’ambito del protocollo d’intesa con l’ANPAS Abruzzo, ha il compito di valutare, coordinare e mettere in campo azioni di pronto intervento, aiuto e soccorso».

Mettendo a disposizione risorse, competenze e strutture, l’intera comunità universitaria ha espresso il proprio cordoglio per i tragici avvenimenti, manifestando vicinanza alle famiglie delle vittime e a tutti coloro che stanno soffrendo a causa del forzato allontanamento dalle proprie abitazioni, con un pensiero particolare agli studenti che provengono o risiedono nelle zone interessate.

Una vicinanza testimoniata dal decreto n. 1827/2016 – e dal successivo decreto integrativo n. 1978/2016 - firmato dal Rettore Novelli in data 30 agosto, con cui si esonerano dal pagamento delle tasse e dei contributi universitari tutti gli studenti iscritti a corsi di studio dell’anno accademico 2016/17 e residenti nei comuni interessati delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria. Una scelta dettata dalla volontà di «garantire il diritto allo studio gravemente compromesso dalle difficoltà economiche» in cui si potrebbe trovare chi ha perso tutto.

«Nessuno stupore, ma profonda gratitudine – ha dichiarato il Rettore – per la grande sensibilità e solidarietà espressa da tutta la Comunità Universitaria, che ha saputo, ancora una volta, riconoscersi e riscoprirsi unita».

Tra le azioni intraprese:

  • Il Centro Trasfusionale del Policlinico Tor Vergata ha esteso i suoi orari di apertura per fronteggiare “l’emergenza sangue”.
  • A poche ore dagli avvenimenti, la task force ha coordinato una massiccia raccolta di generi di prima necessità, resa possibile grazie anche grazie alla generosità ed intraprendenza delle associazioni studentesche.
  • Il gruppo di esperti di “Tecnica delle Costruzioni” ha collaborato con la Protezione Civile per le verifiche di agibilità nei territori colpiti.
  • La task force d’Ateneo ha raccolto in una lista i nominativi di chi ha manifestato la volontà di partecipazione attiva ed il desiderio di contribuire alla gestione dei campi di accoglienza delle popolazioni sfollate. Oltre un centinaio le persone iscritte ai corsi di formazione organizzati pressoil Centro Gestione Sicurezza “Futura” di Tor Vergata: dipendenti, studenti e persino loro familiari. I corsi affiancano attività di outdoor training, mirate al coinvolgimento degli individui in situazione di criticità, a lezioni teoriche. Tra le tematiche trattate: Attività di Previsione, prevenzione, soccorso e rientro alla normalità;Figura e ruolo del volontariato;Sicurezza antinfortunistica e corretto uso dei DPI;Pianificazione di emergenza comunale, conoscenza del territorio; Funzionamento del posto Medico Avanzato (PMA) e del Posto Comando Avanzato (PCA) nelle catastrofi.
  • Grazie all’enorme e continua partecipazione dei volontari è stato possibile creare delle squadre operative che, organizzate in turni, svolgono attività sul campo, offrendo un supporto nelle tendopoli prima e nell’organizzazione dei moduli abitativi poi. L’intenso lavoro ha consentito a “Tor Vergata” di istituire, in accordo con l’ANPAS Abruzzo, una vera e propria “colonna mobile” da dislocare ed impiegare secondo le esigenze.
  • Un aiuto prezioso anche dal mondo dello sport: la sezione ciclistica d’Ateneo ha deciso di destinare parte dei fondi della corsa di beneficenza del 2 ottobre alle vittime del terremoto.

In allegato i decreti n. 1827/2016 e 1978/2016.

Servizio di Prevenzione e Protezione
Responsabile: Dott. Marco Sciarra
Università degli Studi di Roma "Tor Vergata"
Centro Gestione Sicurezza "Futura"
Email: prevenzione.protezione@uniroma2.it

Allegati