Il premio OPCW-The Hague Award assegnato agli “International Master Courses in Protection Against CBRNe events” di Tor Vergata

L'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW), che raccoglie paesi da tutto il mondo rappresentanti il 98% della popolazione mondiale, ha assegnato il premio OPCW-The Hague Award 2017 ai Master Internazionali in Protezione da eventi CBRNe (chimici, biologici, radiologici, nucleari ed esplosivi) della nostra Università e al Centro Africano per lo Studio e la Ricerca sul Terrorismo (ACSRT) di Algeri.

L'OPCW-The Hague Award rappresenta l’eredità che OPCW vuole lasciare alla comunità internazionale a seguito della assegnazione del premio Nobel per la pace nel 2013, conferendo annualmente un premio per il raggiungimento di obiettivi aderenti a quelli della Convenzione sulle armi chimiche (CWC - Chemical Weapons Convention).

Il Direttore generale dell'OPCW, l'ambasciatore H.E. Ahmet Üzümcü, Üzümcü, ha dichiarato che "I vincitori di quest'anno hanno promosso gli obiettivi della CWC con il principale scopo di un mondo libero da armi chimiche. Entrambe le istituzioni affrontano questioni di vitale importanza perla sicurezza globale, fulcro del lavoro dell’OPCW sia nel presente che negli anni a venire ".

Entrambi vincitori hanno affrontato il tema della minaccia del terrorismo chimico, sottolineando l’importanza di rafforzare la cooperazione internazionale, con l'obiettivo fondamentale della prevenzione della proliferazione delle armi chimiche.

La cerimonia di premiazione avrà luogo all’AIA il prossimo 27 novembre durante il primo giorno della XXIX Conferenza degli Stati Membri della Convenzione sulle armi chimiche.

È la prima volta che il Premio viene assegnato all'Italia e il fatto che sia stato vinto da una università conferma che l’educazione e la ricerca sono punti di forza del nostro Paese.