Sviluppo sostenibile Febbraio 2018

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Febbraio 2018

How’s Life? 2017

Fonte: http://asvis.it/, 12 Febbraio

 

Questo report ci fornisce un quadro della percezione del benessere nei Paesi Ocse, dieci anni dopo la crisi globale. Se un ampio spettro di indicatori segnala un rafforzamento delle economie, la percezione individuale della qualità della vita se ne discosta e risente ancora delle conseguenze dello choc finanziario.

Consulta l’articolo:

http://www.keepeek.com/Digital-Asset-Management/oecd/economics/how-s-life-2017_how_life-2017-en#.WoQRX6jiYdU

 


 

L’utopia di un mondo sostenibile è possibile, i cambiamenti sono già in atto

di Flavia Belladonna

Fonte: http://asvis.it, 8Febbraio

 

L’utopia sostenibile di Enrico Giovannini rappresenta il cambiamento dell’attuale modello di sviluppo come una possibilità e una necessità, partendo dall’evidenza dell’insostenibilità di questo per individuare gli strumenti e le azioni che rendono questa utopia concreta proprio perchè sostenibile.

Consulta l’articolo:

 http://asvis.it/home/46-2639/lutopia-di-un-mondo-sostenibile-e-possibile-i-cambiamenti-sono-gia-in-atto#.WoQyeajiYdU

 


 

World Radio Day 13 February

Fonte: http://www.un.org

 

La radio è il più vecchio dei mass media ma il più democratico e cangiante: raggiunge i gruppi più svantaggiati e le comunità più remote, ascolta in presa diretta  e a basso costo le voci  della gente, riuscendo a seguire il passo delle trasformazioni tecnologiche

Consulta l’articolo:

http://www.un.org/en/events/radioday/index.shtml.

 


 

Wait- the ozone layer is still declining

di Annie Sneed

Fonte: Scientific American, 6 Febbraio

Gli esperti stanno cercando di capire le ragioni dell’assottigliamento della bassa stratosfera, una nuova allarmante scoperta che deve ancora essere confermata da più precise misurazioni, dopo che i ricercatori hanno trovato un buco nello strato di ozono sopra l’Antartico.

Consulta l’articolo:

https://www.scientificamerican.com/article/wait-the-ozone-layer-is-still-declining1/

 


 

World leaders join new drive to beat noncommunicable diseases

Fonte: http://www.who.int, 16 Febbraio

 

L’OMS ha annunciato la sua battaglia per la prevenzione e il controllo delle malattie non infettive, come quelle cardiovascolari e il diabete, che ogni anno uccidono nel mondo 15 milioni di persone tra i 30 e i 70 anni, sostenendo le politiche dei governi mirate alla protezione dei cittadini dai fattori di rischio.

Consulta l’articolo:

http://www.who.int/mediacentre/news/releases/2018/world-leaders-ncds/en/


 

Global Opportunity Report 2018

Fonte: https://www.unglobalcompact.org

 

I SDGs offrono nuove opportunità economiche. Un cambiamento sistematico richiede soluzioni che devono essere capitalizzate. Il successo di mercato si pone all’incrocio fra tecnologia e sostenibilità. Salute, cibo, acqua ed energia sono i settori chiave dell’innovazione di domani.

Consulta l’articolo:

https://www.unglobalcompact.org/docs/publications/Global_Opportunity_Report_2018.pdf

 


 

Resolution adopted by the General Assembly on 21 December 2016

Fonte: asvis.it, 6 Febbraio

Nella determinazione di implementare l’Agenda 2030 in una strategia coerente, l’Assemblea Generale riafferma il suo riconoscimento che la povertà in tutte le sue dimensioni è la più grande sfida globale sulla quale costruire lo sviluppo sostenibile nei suoi tre fondamenti: economico, sociale e ambientale.

Consulta l’articolo:

https://undocs.org/A/RES/71/243

 


 

Secretary-General’s remarks on the Second Report on the Repositioning of the UN Development System, in the Context of the Quadrennial Comprehensive

Fonte: http://asvis.it/, 6 Febbraio

L’Agenda 2030 è un progetto ambizioso per l’umanità, l’ambizione di vivere tutti delle vite migliori e più felici, di vedere ridursi  la povertà e la malattia, l’analfabetismo e la fame. Un approccio ordinario non arriva a intendere lo sviluppo sostenibile nella sua portata di diritto umano fondamentale.

Consulta l’articolo:

https://www.un.org/sg/en/content/sg/statement/2018-01-22/secretary-generals-remarks-second-report-repositioning-un

 


 

International Day of Women and Girls in Science 11 February

Fonte: http://www.un.org

Questa Giornata declina il discorso sulla parità di genere nella conoscenza, educazione, nell’ impiego e decision-making nelle scienze, per eliminare ogni discriminazione nei confronti delle donne e delle ragazze di ostacolo alla partecipazione ad un settore così essenziale per il progresso e per uno sviluppo che voglia essere sostenibile.

Consulta l’articolo:

http://www.un.org/en/ga/search/view_doc.asp?symbol=A/RES/70/212

 


 

International Day of Zero Tolerance for Female Genital Mutilation, 6 February

Fonte: http://www.un.org

Nel mondo attuale almeno 200 milioni di donne e ragazze sono state vittime di questa pratica crudele, forma estrema di discriminazione sessuale, che ferisce il corpo femminile, a volte fino alla morte, anche in tenera età e contro la sua salute e dignità. La sua eliminazione è compresa nel SDG 5 sulla parità sessuale.

Consulta l’articolo:

http://www.un.org/en/events/femalegenitalmutilationday/


 

Globalization and Politics

di Michael O’Sullivan

Fonte: asvis.it

La transizione dalla globalizzazione verso un mondo multipolare è un effetto di scelte politiche di rottura adottate in varie democrazie, ma allo stesso tempo è il contesto economico che influenzerà il comportamento degli elettori e porterà nuovi modelli di politica, società, finanza e tecnologia.

Vedi allegato

 


 

Boosting Investment in Social Infrastructure in Europe

di Lieve Fransen, Gino del Bufalo & Edoardo Reviglio

Fonte: asvis.it, 29 Gennaio

Una Europa Sociale è più interessata al benessere delle persone che al rigore finanziario e alla stabilità. Affrontare le disuguaglianze in aumento e le divergenze del nostro continente richiede investimenti a lungo termine, specialmente nelle aree dell’istruzione, della salute e del settore abitativo.

Vedi allegato

 


 

L’inextinguible faim de la planète

di Benoît Hopquin

Fonte: Le Monde, 15 Dicembre 2017

 

La fame torna a colpire il Pianeta. Anche se la produzione mondiale è sufficiente a sfamare ciascuno di noi, la distribuzione del cibo lascia ancora gravemente denutrite e secondo un trend in aumento 815 milioni di persone, soprattutto nei Paesi esposti a choc climatici e conflitti. Un flagello, ma non una fatalità.

Vedi allegato

 


 

Climate Researchers’Work is Turned into Fake News

di Michael Grubb

Fonte: Scientific American, 29 Gennaio

La recente ondata di gelo nel mondo sembra la negazione del riscaldamento globale. Ma la scienza non si fonda su singoli eventi e cammina intorno alla complessità e l’incertezza, dimensioni detestate dalla politica e dai media, così gli scienziati devono affilare la loro arte comunicativa.

Consulta l’articolo:

https://www.scientificamerican.com/article/climate-researchers-rsquo-work-is-turned-into-fake-news/

 


 

Shifting the “Horizon”

di Colin Durrant

Fonte: https://green.harvard.edu   

           

Ad Harvard arte e design aumentano la percezione del cambiamento climatico. Grazie a un’immagine, un segno, guardiamo il paesaggio in modo diverso, e finalmente notiamo che anche la linea dell’orizzonte non è più la stessa.

Consulta l’articolo:

https://news.harvard.edu/gazette/story/2018/01/harvard-grad-student-explores-climate-change-through-design-and-art/

Allegati