Ricerca, Scienza e Conoscenza Dicembre 2017

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Dicembre 2017

EUA’s Learning and Teaching Initiative. Report from the thematic peer groups

Fonte: http://www.eua.be,

Questo report nasce da una discussione tra gruppi di pari di 31 università di 17 paesi sulle strategie da seguire a livello istituzionale e politico per sviluppare dei curricula funzionali a promuovere le capacità di ricerca degli studenti, considerando che la ricerca di qualità e l’eccellenza nella didattica sono inscindibili.

Vedi allegato

 


 

Blockchain in education

di Alexander Grech & Anthony F. Camilleri

Fonte: European Commission

Questo studio esamina i benefici e i rischi nell’applicazione della tecnologia blockchain  nell’istruzione formale e non formale, nella certificazione digitale di training personale o accademico presso istituzioni o datori di lavoro e nel management della proprietà intellettuale.

Vedi allegato 

 


 

Who really bears the cost of education? How the burden of education expenditure shifts from the public to the private

Fonte: http://www.oecd.org, 4 Dicembre

 

Nei Paesi Ocse i governi fanno fatica a tenere in equilibrio la spesa pubblica e privata per l’istruzione. Generalmente, la proporzione dei trasferimenti pubblici tende a diminuire quando i costi per i privati aumentano, cosa che fa una differenza nell’accesso all’istruzione.

Vedi allegato

 


 

Knowledge exchange framework to band universities by performance

Fonte: Times Higher Education, 1 Dicembre

Il programma quadro di scambio delle conoscenze annunciato dal governo britannico sarà uno strumento di valutazione delle università che raggrupperà più istituzioni in clusters utili al confronto e a una migliore trasparenza delle underperformances, al fine di una più efficace allocazione delle risorse pubbliche.

Vedi allegato

 


 

Apprendre à gérer le stress des examens

di Séverin Graveleau

Fonte: Le Monde, 29 Novembre

In seguito alla constatazione dell’aumento dello stress e dell’ansia negli studenti e soprattutto nelle studentesse in prossimità degli esami, diverse università francesi organizzano corsi che insegnano attraverso tecniche di rilassamento a superare l’idea che soffrire prima di una prova è dovuto.

Vedi allegato


 

EUA’s Learning and Teaching Initiative

Fonte: http://www.eua.be

L’Eua si impegna ad alzare l’attenzione a livello europeo sull’importanza dell’insegnamento nelle università e di un apprendimento basato sull’investigazione, dimostrando i benefici per la ricerca di una didattica che renda gli studenti parte attiva della produzione di conoscenza.

 Vedi allegato

 


 

EU to prioritise deeper HE cooperation and mobility

di Brendan O’Malley

Fonte: http://www.universityworldnews, 24 Novembre

 

IN Un summit informale a Gotenburgh, capi di Stato e di governo hanno appoggiato le proposte della CE di promuovere la mobilità universitaria e gli scambi attraverso una Carta europea dello studente e lo sviluppo di nuovi programmi di studio nella prospettiva della costituzione di una European Education Area.

Consulta l’articolo:

http://www.universityworldnews.com/article.php?story=20171124074223184

 


 

OECD Science, Technology and Industry Scoreboard 2017

Fonte: http://www.oecd.org/

 

Tra i paesi Ocse il gap nell’uso di Internet e dei dispositivi connessi si sta restringendo, mentre la trasformazione digitale influenza la scienza, l’innovazione, la vita quotidiana. Le economie basate sulle ICT sono più avanzate, e richiedono ai lavoratori skills non solo cognitive ma anche comunicative.

Vedi allegato

 


 

 

Education and Training Monitor 2017

Fonte: European Commission

Questo report della CE è un’analisi comparativa dello stato dell’istruzione in Europa in relazione ai goal fissati dall’UE per il 2020 per combattere le disuguaglianze nelle performances in lettura, matematica e scienze dovute all’origine socioeconomica, di migrante o alle differenze di genere.

Vedi allegato

 


 

UK maths and language studies “could lose a third” of academics after Brexit

di Josh Gabbatiss

Fonte: The Independent, 14 Novembre

 

40.000 docenti nelle università britanniche provengono da paesi europei oltremanica. I cambiamenti determinati da Brexit delle regole che permettono di assumere e trattenere personale straniero rendono incerto il posizionamento esclusivo delle istituzioni britanniche nell’istruzione e nella ricerca.

Vedi allegato

Allegati