Cultura e Società Ottobre 2018

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Ottobre 2018

A matter of time

Fonte: The Guardian Weekly, 5 Ottobre

L’idea del progresso su cui si è fondata la civiltà occidentale presuppone una concezione astratta e lineare del tempo in senso escatologico. La filosofia comparativa aiuta a comprendere il tempo nella sua connessione con l’umanità e con l’ambiente, in una nuova dimensione relazionale e spirituale.

Vedi allegato

 


 

L’éducation rend-elle meilleur?

di Luc Ferry

Fonte: Le Figaro, 27 Settembre

La Storia dimostra ogni giorno che il progresso della conoscenza non ci rende più buoni. Lo scetticismo che ne deriva ha finito col mettere in discussione qualsiasi forma di autorità. Ma una educazione non autoritaria né dogmatica serve ancora a non perdersi nella giungla del fake contemporaneo.

Vedi allegato

 


 

L’arbre-monde

di Didier Jacob

Fonte: L’Obs, 11 Ottobre

Un libro di Richard Powers descrive una dimensione di vita poco compresa dall’uomo: il mondo verde, così indispensabile al Pianeta, è retto da un principio più intelligente della legge del più forte. Attraverso una comunicazione sotterranea, gli alberi cooperano tra loro, e si nutrono della luce raggiunta dal più alto.

Vedi allegato

 


 

Maniac is ambitious, unusual and totally empty

Fonte: The Economist, 24 Settembre

Questa nuova teleserie aspira ad accedere nei meandri della mente, trasformando un gioco psichedelico in una scena virtuale, in cui i personaggi esprimono la più grande ambizione umana : la conoscenza di sé. Ma il mistero rimane vuoto, forse un algoritmo, o una metafora può esprimerlo meglio di una trama narrativa.

Consulta l’articolo:

https://www.economist.com/prospero/2018/09/24/maniac-is-ambitious-unusual-and-totally-empty


 

 

Europe’s refugee crisis. Traumatised children fight to survive in hellish Lesbos camp

di Lorenzo Tondo

Fonte: The Guardian, 4 Ottobre

Il campo di Moria, in Grecia, ospita 3000 minori. Quasi tutti hanno tentato e tentano ogni giorno di togliersi la vita o farsi del male. Le condizioni di questo asilo mentale nella lunga attesa delle decisioni della politica e della burocrazia aggravano i traumi vissuti. MSF è presente e testimonia.

Vedi allegato

 


 

Darwin 2.0

di Richard Friebe & Sascha Karberg

Fonte: Der Tagesspiegel, 4 Ottobre

Il principio dell’evoluzione di Darwin è il marchio ringiovanito del Premio Nobel della Chimica di quest’anno, assegnato a tre scienziati che hanno sfruttato nell’ingegneria genetica di virus e batteri per la produzione di nuovi farmaci la capacità di adattamento degli esseri viventi nei processi naturali.

Vedi allegato

 


 

“Ton père, c’est la technique, et ton parrain, c’est l’État

Fonte: Le Figaro, 2 Ottobre

Se la cultura toglie al padre biologico l’esclusiva del ruolo di padre, la tecnica, con la procreazione assistita, ne elimina la memoria, affidando alla legge il compito di decidere qual è l’interesse del bambino per ciò che riguarda suo padre e sua madre.

Vedi allegato

 


 

La banquette spatiale

di Ève Beauvallet

Fonte: Libération, 29 Settembre

Anche le sedie parlano. Leggere, portatili, e facilmente sbarazzabili, più di ogni altro oggetto dell’arredamento domestico raccontano la Storia. Così l’immaginario del tempo in cui viviamo  si imprime nel design e cambia il nostro rapporto con lo spazio.

Vedi allegato


 

Forschung und Vertrauen

di Peter Strohschneider

Fonte: Der Standard, 17 Settembre

La scienza è un’arma tecnologica sempre più potente, un vaso di Pandora che alcuni tentano di legittimare a buon mercato, altri di trasformare in un credo assoluto. Solo una presa di distanza e una cosciente autolimitazione possono tenere fede al patto tra ricerca e società.

Vedi allegato

 


 

Jean-Francois Braunstein

di Alexandre Devecchio

Fonte: Le Figaro Magazine, 14 Settembre

“La Philosophie devenue folle” di Braunstein, sull’esempio del caso clinico che ha segnato la storia della differenza tra identità sessuale e di genere, mostra come le teorie partoriscono assurdi mostri , quando private della propensione a considerare l’uomo nella sua non decostruibile specificità.

Vedi allegato

 


 

How technology is enabling new ways of writing

di Joshua Polchar

Fonte: https://www.oecd.org/, 17 Settembre

L’automatizzazione della scrittura è un cambiamento la cui portata va molto oltre la perdita di posti di lavoro, coinvolgendo le nostre facoltà cognitive, il modo di fare ricerca e cultura. I sistemi scolastici devono adattarsi a questa rivoluzione antropologica.

Consulta l’articolo:

http://oecdeducationtoday.blogspot.com/2018/09/technology-writing-automation-ai-future-work-education.html

 


 

 

Wie wird man in der Mathematik zweimal berühmt?

di Markus Pössel?

Fonte: Die Frankfurter Allgemeine, 28 Settembre

Sir Michael Atiyah, uno dei più grandi matematici del nostro tempo, già vincitore di una medaglia Field, all’ultimo Heidelberg Laureate Forum ha annunciato la soluzione del problema di Riemann. Ma le carriere dei ricercatori non sempre ricalcano gli schemi narrativi di un copione di Hollywood.

Vedi allegato

 

Allegati