Cultura e Società Febbraio 2018

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Febbraio 2018

Hat der Evangelist Matthäus etwa Ovid gelesen?

di Ulf von Rauchhaupt

Fonte: Die FAZ, 14 Febbraio

 

Nel giorno di san Valentino, l’Ars amatoria di Ovidio, manuale classico e non molto politically correct dell’erotismo, merita una rilettura filologica per scoprirvi scambi inediti con la cultura del suo tempo.

Consulta l’articolo:

http://www.faz.net/aktuell/feuilleton/buecher/rezensionen/sachbuch/neue-ausgabe-von-ovids-liebeskunst-erfreut-das-auge-15447012.html

 


 

“L’Origine du monde”, polémique relancée

di Eric Tariant

Fonte: Le Temps, 13 Febbraio

E’ stato appena pubblicato uno studio che dimostrerebbe che la tela già ritrovata nel 2013 dove appare per intero la figura del capolavoro di  Courbet rappresenta proprio la testa del poco allusivo ritratto. Date le polemiche suscitate, si attende il referto della polizia scientifica.

Vedi allegato

 


 

Foucault: le dernier tome d’”Histoire de la sexualité” enfin publié

di Robert Maggiori

Fonte: Libération, 8 Febbraio

L’opera rimasta incompiuta del filosofo francese e appena pubblicata mostra come l’arte di governare gli uomini, a partire dalla filosofia greca, come ricerca di sé sotto una direzione spirituale, è stata ripresa dalla teologia cristiana e poi laicizzata dalle società civili nelle discipline e tecnologie di dominazione del corpo e della coscienza.

Vedi allegato

 


 

Valentine’s Day leads to spike in new pregnancies

di Alex Matthews-King Health

Fonte: The Independent, 14 Febbraio

 

Dopo le vacanze di Natale, la settimana di San Valentino, insieme a quella successiva, registra il maggior numero di concepimenti in tutto l’anno. Secondo uno studio, le più importanti festività religiose di tutte le fedi sono associate a un picco di nascite nel mondo nove mesi dopo.

Vedi allegato


 

 

Kultur allein macht noch nicht zivilisiert

di Thierry Chervel

Fonte: Die Welt, 7 Febbraio

Il concetto di cultura si è sviluppato storicamente su una base identitaria, che implica una definizione dell’altro come nemico. Solo con le democrazie è diventato spazio del gioco e della libertà dai totem. Contro i nuovi fondamentalismi dobbiamo ricordare che senza civilizzazione la cultura è il pretesto della barbarie.

Consulta l’articolo:

https://www.welt.de/debatte/kommentare/article173276801/Freiheit-vs-Zensur-Kultur-allein-macht-noch-nicht-zivilisiert.html

 


 

Learning from Europe’s populists

Fonte: The Economist, 3 Febbraio

L’ondata populista in Europa va considerata dall’establishment come una opportunità di cambiamento di ciò che nella politica non funziona. Storicamente i movimenti populisti sono sempre esistiti e ad essi si devono anche importanti riforme sociali e democratiche.

Vedi allegato

 


 

A century on from getting the vote, how do women’s rights compare?

di Emily Goddard & Josie Cox

Fonte: The Independent, 6 Febbraio

 

Il Representation of the People Act, di cui si celebra in Gran Bretagna il centenario, per quanto fosse all’inizio selettivo e restrittivo , cambiò drasticamente la faccia dell’elettorato, dimostrando che vale ancora la pena lottare per una vera parità di genere se vogliamo innovare .

Vedi allegato

 


 

 

Sociologie. Quand Bernard Lahire interprète nos rêves

di Véronique Radier

Fonte: L’Obs, 1 Febbraio

 

Nonostante i progressi nelle neuroscienze, i sogni rimangono una materia da interpretare. Una lettura sociologica di queste narrazioni implicite permette attraverso logiche sociali di differente scala di arrivare al mondo più intimo dell’individuo, rileggendo Freud.

 Vedi allegato

 


 

Liberalism is the most successful idea of the past 400 years

Fonte: The Economist, 25 Gennaio

Condividere l’esperienza di questo mondo frammentato è l’imperativo del post-liberalismo, ciò che resta della sua fede nel contratto sociale come spazio dell’espressione individuale. Why liberalism failed di Patrick Deenen recupera le nozioni premoderne di libertà chiamando all’azione.

Consulta l’articolo:

https://www.economist.com/news/books-and-arts/21735578-its-best-years-are-behind-it-according-new-book-liberalism-most

 


 

With its museum of fascism, town aims to vilify, not glorify

di Michael Birnbaum & Stefano Pitrelli

Fonte: The Washington Post,  1 Febbraio

 

A Predappio, città natale di Mussolini, la costruzione di un museo dedicato al  fascismo, poveramente compreso dalla società italiana dove crescono sentimenti di nostalgia verso un passato con cui non ha mai fatto veramente i conti, intende usare la cultura per distruggere l’ignoranza in vista delle elezioni di Marzo.

Vedi allegato

 


 

Debussy Cent ans de solitude

di Thierry Hillériteau

Fonte: Le Figaro, 27 Gennaio

Il centenario della morte di Debussy è l’occasione per riscoprire un artista che sapeva che sarebbe rimasto a lungo incompreso. La sua musica sofisticata e ripresa nella sua eredità dai compositori minimalisti americani reinventa lo spazio acustico come sinestesia di suoni e colori  che è stata paragonata alle tele di Monet.

Vedi allegato

 


 

Ai Weiwei: “Le métier d’artiste est un métier dangereux

di Valérie Duponchelle

Fonte: Le Figaro, 24 Gennaio

 

Human Flow di Ai Weiwei cattura un momento della evoluzione dell’umanità, legato alle attuali migrazioni di massa. Girato in quaranta campi di ventitrè Paesi, racconta le sofferenze e le ingiustizie che da sempre hanno edificato civiltà, e che attraverso il linguaggio dell’arte acquistano un senso profondamente umano.

Vedi allegato

Allegati