Cultura e Società Luglio 2018

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Luglio 2018

L’air conditionné à l’assaut de la planète

di Benoît Bréville

Fonte: Le Monde Diplomatique, Agosto 2017

Inventata agli inizi del XX secolo per uso industriale, la climatizzazione ha cambiato stili di vita e paesaggi architettonici. Promossa dalle autorità pubbliche  perché aumenta la produttività, come ogni tecnologia è diventata indispensabile, nonostante il suo impatto ambientale.

Consulta l’articolo:

https://www.monde-diplomatique.fr/2017/08/BREVILLE/57768

 


 

Sergio Marchionne s’en va, l’Italie salue un patron star

di Antonino Galofaro

Fonte: Le Temps, 26 Luglio

Le critiche più accese non lo hanno mai risparmiato, ma nei fatti Sergio Marchionne ha sottratto con creatività e determinazione un pezzo fondamentale dell’industria italiana al fallimento, salvando posti di lavoro e sperimentando nuovi modi di fare impresa.

Vedi allegato

 


 

Leer literatura puede ser literatura

di Manuel Vilas

Fonte: El País, 21 Luglio

El derecho a escribir mal, è una raccolta di saggi di un illustre critico letterario statunitense su  tredici capolavori della letteratura mondiale,  che fa della critica un genere di scrittura autonomo ed  esprimono una sensibilità e una sapienza umanistica che creava letteratura senza il supporto di Internet.

Vedi allegato

 


 

China’s belt-and-road plans are to be welcomed – and worried about

Fonte: The Economist, 26 Luglio

Differentemente dalle antiche vie della seta, la Belt and Road Initiative di Xi Jinping’s è un progetto globale, fatto di infrastrutture utili a diffondere la ricchezza e prosperità della Cina. Anche se diversi altri Paesi possono prendervi parte e beneficiarne, le mire espansionistiche del gigante cinese e i costi politici destano preoccupazione.

Consulta l’articolo:

https://www.economist.com/leaders/2018/07/26/chinas-belt-and-road-plans-are-to-be-welcomed-and-worried-about


 

Den Völkermördern entegegenarbeitet?

di Kaveh Nassirin

Fonte: Frankfurter Allgemeine, 15 Luglio

Un documento storico dimenticato testimonia la partecipazione di Martin Heidegger sin dal 1934 all’Akademie für Deutsches Recht, l’istituto di filosofia del diritto che ebbe il compito di preparare e legittimare le leggi razziali di Norimberga.

Consulta l’articolo:

http://www.faz.net/aktuell/feuilleton/hoch-schule/martin-heidegger-den-voelkermoerdern-entgegengearbeitet-15683051.html

 


 

A grammatical analysis of Donald Trump’s double negatives

Fonte: The Economist, 18 Luglio

A volte non basta il contesto per capire il significato di una frase. Anche la lingua scritta registra non raramente dei casi in cui una doppia negazione finita in un periodo articolato capovolge il contenuto di una dichiarazione.

Consulta l’articolo:

https://www.economist.com/prospero/2018/07/18/a-grammatical-analysis-of-donald-trumps-double-negatives

 


 

Kubrick avant Kubrick

di Didier Jakob

Fonte: L’Obs, 12 Luglio

La formazione giovanile di Stanley Kubrick è documentata nelle foto, oggi raccolte in un catalogo e in una esposizione, che furono realizzate per la rivista Look prima di approdare al cinema, con una potenza esaustiva capace di trasformare uno scatto in una sequenza narrativa.

Vedi allegato

 


 

“El problema está en confundir la gramática con el machismo”

di Iker Seisdedos

Fonte: El País, 16 Luglio

Secondo il direttore della Real Academia Española, il linguaggio inclusivo della parità di genere è una imposizione politica, un cambiamento creato a tavolino e non dal basso. Un raddoppiamento che non rispetta il principio di economia e della selezione linguistica.

Vedi allegato


 

Wenn di Daten fehlen, bleibt die Metaphysik

di Sibylle Anderl

Fonte: Die Faz, 10 Luglio

La fisica dell’universo è un puzzle non ancora risolto. Molti problemi della cosmologia contemporanea si incontrano con le domande fondamentali della filosofia. Un workshop organizzato dall’Università di Western Ontario intende porre le basi per un dialogo interdisciplinare costante tra fisici e metafisici.

Consulta l’articolo:

http://www.faz.net/aktuell/wissen/physik-mehr/physiker-und-philosophen-suchen-die-weltformel-15671404.html

 


 

Jakobson et Lévi-Strauss, lettres et les géants

di Philippe Lançon

Fonte: Libération, 12 Luglio

La corrispondenza lungo quaranta anni tra Roman Jakobson e Carl Lévi-Strauss segue lo sviluppo dello strutturalismo dall’intersecarsi di linguistica e antropologia nella ricerca di forme invarianti attraverso i linguaggi e le società umane, raccontando una comune passione scientifica e poetica.

Vedi allegato

 


 

Découvertes estivales

di Alexandre Demidoff

Fonte: Le Temps, 11 Luglio

All’università di Losanna, la retorica è riscoperta come arte della parola e plastica delle emozioni. Gli studenti, futuri avvocati o docenti di letteratura, si esercitano nella composizione di discorsi formulati secondo la tecnica di Cicerone e Quintiliano.

Vedi allegato

 


 

Saramago: diario del año del Nobel

di Javier Martín Del Barrio

Fonte: El País, 9 Luglio

Annunciato nell’epilogo del V Quaderno di Lanzarote, il sesto e ultimo, scoperto per caso da poco tra le cartelle del computer dello scrittore, sta per essere pubblicato in occasione del primo congresso internazionale su Saramago, che si terrà a Coimbra a Ottobre.

Vedi allegato


 

Freiheit für das kulturelle Welterbe

di Gerhard Lauer

Fonte: Der Tagesspiegel, 5 Luglio

La civiltà moderna si è innestata sul terreno dei diritti umani. Se la cultura è patrimonio di tutti gli uomini, gli uomini sono tutti uguali. Ora la digitalizzazione del sapere rischia di impoverire la nostra tradizione, se non salvaguardiamo il diritto e la capacità di critica contro ogni strumentalizzazione.

Vedi allegato

 


 

Les virus géants réécrivent l’histoire du vivant

di Paul Molga

Fonte: Les Echos, 2 Luglio

La scoperta di tre nuovi virus giganti, dal patrimonio genetico ricchissimo e differenziato, è destinata a cambiare la descrizione del mondo vivente. Dalla presenza di geni finora considerati esclusivi delle cellule emerge un sistema di coevoluzione discendente da più generi di vita.

Vedi allegato

 


 

“Tout Internet est un texte de Roland Barthes”

di Frédérique Roussel

Fonte: Libération, 5 Luglio

Internet ci ha reso tutti degli scrittori. Ma la nostra scrittura “non creativa” è profondamente influenzata dalle piattaforme informatiche. D’altra parte, è stata proprio la letteratura a farci approdare all’esperienza digitale. Su queste sponde, la morte dell’autore e del capolavoro ha fatto rinascere la creatività.

Vedi allegato

 


 

Une histoire de la dissection

di Sylvie Logean

Fonte: Le Temps, 3 Luglio

Considerata dal 18° secolo un insegnamento fondamentale per gli studenti di medicina, la dissezione dei cadaveri appartiene alle materie in via di estinzione, in un’epoca dove niente del corpo umano sembra ancora da scoprire.

Vedi allegato


 

Sizilien sehen und leben

di Nicola Kuhn

Fonte: Der Tagesspiegel, 25 Giugno

Manifesta, la biennale artistica migrante dell’Europa svegliatasi dalla cortina di ferro, approda a Palermo, esempio vivente di coesistenza e ricchezza multiculturale. Tra le guerre della mafia e le piattaforme della Nato, la bellezza di questa città sembra poter resistere a tutto.

Vedi allegato

 


 

“La medicina del siglo XXI tiene que salir del hospital”

di Ana Macpherson

Fonte: La Vanguardia, 17 Giugno

In futuro gli ospedali non saranno più il luogo di cura di molti pazienti. La medicina è destinata a spostarsi al domicilio del malato e a trasformarsi profondamente nell’approccio alla persona. L’assistenza sanitaria deve ridurre i costi per rendere i trattamenti più moderni accessibili a tutti.

Vedi allegato

 


 

Los ensayos que muestran en qué piensa Europa

Fonte: El País, 24 Giugno

Cosa legge l’Europa? L’identità europea si riflette diversamente nei suoi Paesi membri, ognuno alle prese con pezzi diversi della sua storia. I libri stampati nelle lingue delle sue nazionalità esprimono le ansie e i complessi della classe intellettuale di un continente tanto variegato quanto tormentato dalla stessa crisi.

Vedi allegato

 


 

L’atelier du sculpteur renaît dans un musée à Paris

di Valérie Duponchelle

Fonte: Le Figaro, 23 Giugno

A Parigi è stato inaugurato l’Istituto Giacometti che attraverso la ricostruzione precisa dell’atelier dell’artista svizzero restituisce alla città parte della sua storia fatta di opere, di amicizie e relazioni.

Vedi allegato

Allegati