“Big data in sanità: nuovi orizzonti di conoscenza e tutela dei dati personali”

Seminario di studio: Dipartimento di Ingegneria dell’Impresa, Aula Convegni, Via del Politecnico 1, Roma - 21 Giugno 2017

Le esigenze di razionalizzazione e controllo della spesa sanitaria pubblica hanno indotto le Aziende Sanitarie Locali (ASL) ad implementare sistemi di controllo di gestione, basati sui database amministrativi, che registrano le interazioni tra i pazienti ed il Servizio Sanitario Nazionale. Tali database amministrativi contengono, quindi, dati utili a certificare la quantità e la tipologia di prestazioni sanitarie.
I database amministrativi sono, però, solo uno degli elementi costitutivi di un sistema informativo in costante espansione che ricade sotto la definizione di Big Data in sanità. Questa definizione fa riferimento ad un sistema di informazioni che integra i dati amministrativi con quelli clinici, al fine di valutare la qualità delle cure, monitorare e programmare la spesa sanitaria, e valutarne l’efficacia terapeutica. Inoltre, l’integrazione di dati provenienti da fonti informative differenti consente di attuare politiche di prevenzione, studiare le cause delle riospedalizzazioni e monitorare gli effetti relativi all’uso dei farmaci. Espandere gli orizzonti di conoscenza, attraverso l’utilizzo dei Big Data implica, però, anche la necessità di rendere accessibili ed interoperabili le differenti fonti di dati, nel rispetto dei vincoli di tutela della privacy dei cittadini, giuridicamente garantiti.

La locandina è presente in allegato.

Allegati