In scena a “Tor Vergata” per la prima volta la ricostruzione del balletto di Stravinsky “Le Sacre du Printemps”

Venerdì 18 maggio 2018, ore 18:00 – Auditorium “Ennio Morricone” – Macroarea di Lettere e Filosofia, Via Columbia 1

Venerdì 18 maggio 2018 alle ore 18:00, presso l’Auditorium “Ennio Morricone” della Macroarea di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, verrà inscenato “Le Sacre du Printemps”, balletto di Igor Stravinsky basato sulla coreografia originaria di Vaslav Nijnsky (risalente al 1913), operata da Valeria Paraninfi con un’imponente lavoro di ricostruzione filologica, attraverso lo studio della notazione di danza e di altri documenti. Per la prima volta, quindi, una laureanda dell’Ateneo “Tor Vergata” ricostruisce un balletto storico potendolo portare in scena con allieve e ballerini professionisti. I costumi saranno repliche esatte di quelli utilizzati nella prima rappresentazione di Nijnsky e sono stati gentilmente prestati da Toni Candeloro, étoile internazionale, coreografo e direttore artistico dell’Associazione “Michel Fokine”.

L’evento è stato organizzato da Valeria Paraninfi, studentessa magistrale del corso di Musica e Spettacolo e coordinatrice dell’iniziativa studentesca “L’eredità dell’effimero. Sintesi delle arti: dai Balletts Russes alla contemporaneità”, proposta vincitrice del bando di Ateneo per le iniziative per l’anno accademico corrente. Prima dello spettacolo interverranno la prof.ssa Donatella Gavrilovich, docente di Discipline dello Spettacolo presso l’Ateneo di “Tor Vergata”, e lo stesso Toni Candeloro, che relazionerà sull’importanza dell’opera di Stravinsky per la storia evolutiva del balletto classico contemporaneo.

Oltre allo spettacolo la mostra in due sezioni “Terra e Sangue”, che espliciterà la storia (anche da un punto di vista teatrale e culturale) della Russia zarista tra la fine dell’Ottocento e il 1913. Sia lo spettacolo che la mostra saranno ad ingresso libero.

In allegato la locandina e il programma

Allegati