Cultura e società Giugno 2019

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Giugno 2019

Adela Cortina retrata al pensador en su 90° cumpleaños

di Adela Cortina

Fonte: El País, 15 Giugno

 

 La difesa di Jürgen Habermas della attività filosofica parte dalla delusione per la filosofia tedesca. La sua teoria dell’azione comunicativa contrappone alla concezione della lingua come messaggera di una identità escludente lo scambio dialogico tra persone della stessa dignità e libertà.

Vedi allegato

 


 

Die fünf grossten Myten über den Mond

di Florian Freistetter

Fonte: Der Standard, 15 Giugno

 La Luna vista dalla Terra ha acceso la curiosità scientifica e cullato la fantasia dell’uomo. Nel cinquantenario dell’atterraggio della nostra specie sul suo suolo ecco qui spiegati al lume della ragione i principali miti elaborati dal pensiero umano sin dalla notte dei tempi.

Vedi allegato

 


 

Warnhinweis: bitte nicht bekifft autofahren!

di Maria Mast

Fonte: Die Zeit, 5 Giugno

Secondo il Global Drug Survey la cannabis, la più amata delle sostanze stupefacenti non solo crea dipendenza, ma è pericolosa per la salute neuropsichiatrica, soprattutto dei più giovani, e ha gli stessi rischi del tabacco. In più, è causa di incidenti stradali.

Consulta l’articolo:

https://www.zeit.de/wissen/gesundheit/2019-05/cannabis-legalisierung-kanada-labels-warnhinweise

 


 

Food: bigger than the plate leaves you wanting more

Fonte: The Economist, 22 Maggio

Una nuova mostra al Victoria and Albert Museum di Londra presenta attraverso settanta installazioni le fasi del ciclo di produzione del cibo, ponendo ciò che mettiamo nel piatto come una questione di scelta e di responsabilità.

Consulta l’articolo:

https://www.economist.com/prospero/2019/05/22/food-bigger-than-the-plate-leaves-you-wanting-more

 


 

  

Im Auge des Betrachters

di Julia Sica

Fonte: Der Standard, 5 Giugno

Una ricerca dell’università di Vienna intende studiare in termini psicologici l’attrazione umana per la bellezza, un senso innato che non si spiega solo con l’istinto biologico, ma investe il sistema della percezione e i codici culturali in modo complesso.

Vedi allegato

 


 

The Earth is round

di Lee Mcintyre

Fonte: Newsweek International, 14 Giugno

I Flat Earthers sono un interessante capitolo di sociologia delle comunità rinchiuse nelle proprie convinzioni. Non è mai questione di logica, certezza ed evidenza controbattere i negazionisti della scienza. Le persone non sono convinte dai dati, ma da coloro di cui si fidano.

Vedi allegato

 


 

Un mundo de ciudadanos controlados

di Ignacio Vidal-Volch

Fonte: El País, 9 Giugno

Il dominio della tecnologia sulla vita privata e il controllo dei gruppi di potere sull’informazione realizzano una versione minore del Grande Fratello immaginato da Orwell 70 anni fa. Non è difficile nemmeno riconoscere nelle reti sociali e nelle condizioni attuali dei ceti medio-bassi alcune profezie del grande scrittore.

Vedi allegato

 


 

Nathaniel Rich

di Coralie Schaub

Fonte: Libération, 8 Giugno

La lotta per il cambiamento climatico non è un fenomeno recente. La propaganda dell’industria fossile ha seppellito i buoni propositi della politica degli anni 80 e abbassa il livello del dibattito, scansando un aspetto fondamentale del problema, che è la crisi della nostra civiltà.

Vedi allegato


 

L’écologie présente les traits d’une nouvelle religion séculière

di Jean-Pierre Le Goff

Fonte: Le Figaro, 4 Giugno

L’ecologia è il nuovo dogma apolitico, manicheo e moralizzante predicato dai più giovani, il nuovo filtro di interpretazione della storia dell’Occidente, una storia da cui tutti ci dobbiamo redimere. Ma mentre pensiamo al Pianeta, noi adulti dovremmo curarci anche di quale cultura trasmettiamo ai nostri figli.

Vedi allegato

 


 

Für einen neuen Gesellschaftsvertrag

di Alexander Görlach

Fonte: Der Standard, 3 Giugno

Che senso hanno i diritti civili e sociali stampati nelle Costituzioni delle società democratiche, se il cittadino non ha quasi niente da mangiare? Un nuovo contratto sociale fondato non sui numeri della economia, ma sui problemi reali delle persone, se affrontati con empatia, può battere il populismo.

Vedi allegato

 


 

Bernard-Henry Lévy: apostrophe au “peuple européen”

di Alexis Lacroix

Fonte: L’Express, 29 Maggio

In Looking for Europe ritorna lo spirito battagliero ed europeo di Bernard –Henri Levy. Alla fine della Storia, del confronto tra ideologie in cui si coltivano lo scetticismo, il relativismo e il nichilismo, quello che ci rimane è la battaglia culturale per i valori transnazionali.

Vedi allegato

 


 

L’homme qui fait parler les plantes

di Claire Chartier

Fonte: L’Express, 29 Maggio

La Révolution des plantes di Stefano Mancuso spiega l’intelligenza del mondo vegetale dal punto di vista di un neurobiologo: pur non essendo dotate di neuroni, le piante hanno una sensibilità e trasmettono segnali elettrici in grado di comprendere, comunicare e manipolare l’ambiente circostante.

Vedi allegato


 

Big data e bioéthique

di Éric Favereau

Fonte: Libération, 30 Maggio

Il comitato di bioetica francese è intervenuto recentemente sul cambiamento di scala dei big data relativi alla salute di una persona, affermando che i rischi che comportano nella misura in cui determinano delle decisioni mediche non giustificano una posizione ostile alle tecnologie digitali e ai vantaggi di cui sono portatrici.

Vedi allegato

 


 

Les citoyens semblent avoir réalisé combien l’Europe est utile

di Noémie Rousseau

Fonte: Libération, 30 Maggio

La Merveilleuse Histoire d’Europe curata da Jean Louis de Valmigère con prefazione di Antonio Tajani, un romanzo continentale collettivo e intergenerazionale ma dedicato ai giovani spiega le ragioni dell’amore per l’Europa, che iniziano ma non si esauriscono nei suoi sessantacinque anni di pace.

Vedi allegato

 


 

Die Wissenschaft als magische Glaskugel

di Alexander Reutlinger

Fonte: Die Faz, 9 Maggio

Nozioni come la verità o il fatto, sbandierate nelle marce per la scienza, da una prospettiva filosofica sono ingenue e non utili a fondarne la difesa. Invece, sostenere la libertà della ricerca legittima il posto della scienza nella società, perché la libertà è un valore essenziale della democrazia.

Consulta l’articolo:

https://www.faz.net/aktuell/wissen/forschung-politik/propagiert-der-march-for-science-ein-unkritisches-bild-von-wissenschaft-16178582.html

 


 

On est ici entre le portrait et l’allégorie à travers cette beauté androgyne qui tend vers l’idéalisation

di Letizia Dannery

Fonte: L’Express, 29 Maggio

Nel castello di Chantilly un disegno al carboncino di grandi dimensioni, chiamato Monna Vanna perché richiama la celebre Monna Lisa, sembra essere da attribuire sulla base delle tecniche utilizzate, prove di laboratorio e ricostruzioni storiche, proprio a Leonardo che lo concepì come doppio erotico del modello del Louvre.

Vedi allegato

Allegati