Idee e Innovazione Aprile 2019

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Aprile 2019

“L’intelligence artificielle ne triomphera que si nous renonçons à utiliser la nôtre”

di Claire Chartier

Fonte: L’Express, 17 Aprile

Lo sviluppo incessante dell’intelligenza artificiale rende più che mai necessari gli strumenti della filosofia per riscoprire quelle categorie del pensiero umano che sono improgrammabili e quindi di un dominio diverso e senza confronti con l’intelligenza artificiale, oppure l’uomo si lascerà sostituire dalle macchine.

Vedi allegato

 


 

Matière grise chez les plantes vertes

di Sonya Faure

Fonte: Libération, 18 Aprile

Una nuova sensibilità nella biologia e nella filosofia, come anche i problemi sollevati dal cambiamento climatico, hanno mutato la percezione delle piante. Il superamento di una prospettiva zoocentrica permette di accorgerci dell’intelligenza del mondo vegetale, e di scoprire un altro punto di vista.

Vedi allegato

 


 

Pig brains kept alive outside body for hours after death

di Sara Reardon

Fonte: Nature, 17 Aprile

Il successo di un esperimento su dei maiali scorporati delle teste, conservate per 6 ore nelle loro funzioni vitali ha fortissime implicazioni etiche, nonché legali e pratiche che non solo riguardano la definizione della morte, ma prospettano un genere di coscienza scollegato dai riferimenti sensoriali.

Consulta l'articolo:

https://www.nature.com/articles/d41586-019-01216-4

 


 

La typographie au secours des dyslexiques

di Laure Gabus

Fonte: Le Temps, 16 Aprile

In Svizzera è stato sperimentato un nuovo tipo di sostegno per bambini che presentano grandi difficoltà nella lettura. Il progetto è basato sullo studio degli aspetti neurovisuali della dislessia e prevede una tipografia adattata.

Vedi allegato


 

The promise and perils of synthetic biology

Fonte: The Economist, 4 Aprile

La biologia sintetica rappresenta una rivoluzione nel mondo vivente che porterà enormi trasformazioni nel modo in cui produciamo, consumiamo e nelle relazioni economiche. Se vogliamo indirizzare questo cambiamento verso il meglio, e in particolare verso obiettivi ambientali, dobbiamo imparare dal passato.

Vedi allegato

 


 

Unknown human relative discovered in Philippine cave

di Nic Fleming

Fonte: Nature, 10 Aprile

Dopo l’Homo floriensis, questa è la seconda nuova specie umana identificata recentemente nel Sudest asiatico. Questo Homo Luzonensis discende da un gruppo di Homo erectus, ma la sua evoluzione su un territorio insulare ha sviluppato dei tratti differenti da quelli dei suoi antenati.

Consulta l’articolo:

https://www.nature.com/articles/d41586-019-01152-3

 


 

Can you feel force..do humans react to magnetic fields?

Fonte: The Observer, 7 Aprile

Un gruppo di scienziati ha provato che il cervello umano ha un senso dell’orientamento che risponde, come negli animali, ai campi magnetici. I riferimenti geografici delle lingue europee e la vita moderna possono aver indebolito questa bussola interna, come dimostrano alcuni studi sugli aborigeni dell’Asia e dell’Australia.

Vedi allegato

 


 

Scientists reverse memory loss – but only for fifty minutes

di Hannah Devlin

Fonte: The Observer, 9 Aprile

Uno studio pubblicato su Nature Neuroscience riporta i risultati di un esperimento di stimolazione elettrica del cervello su soggetti anziani e in declino cognitivo e sembra prospettare nuovi trattamenti per pazienti affetti da disturbi della memoria a breve termine collegati all’età o anche a demenza.

Vedi allegato


 

L’intelligence artificielle au service de l’imagerie médicale

di Damien Mascret

Fonte: Le Figaro, 1 Aprile

La precisione e potenza dell’intelligenza artificiale applicata alle immagini non spiazza l’uomo, ma anzi richiede più che mai l’occhio perito del radiologo per interpretare ogni minima deviazione dagli standard definiti dagli algoritmi.

Vedi allegato

 


 

Digitaler Unterricht ist nicht grundsätzlich besser

di Lisa Nimmervoll

Fonte: Der Standard, 2 Aprile

Le tecnologie digitali per quanto utili all’insegnamento non possono essere il centro della formazione perché impediscono una riflessione autentica e un rapporto diretto tra il discente e la fonte del sapere.

Vedi allegato

 


 

The nuclear sins of the Soviet Union live on in Kazachstan

di Wudan Yan

Fonte: Nature, 3 Aprile

 

30 anni dopo la tragedia dei test di Semipalatinsk, non sono ancora chiari gli effetti intergenerazionali delle radiazioni nucleari, e la ricerca potrebbe intervenire nell’attuale dibattito sull’espansione dell’energia atomica per ridurre le emissioni di carbonio.

Consulta l’articolo:

https://www.nature.com/articles/d41586-019-01034-8

 


 

Report urges massive digitization of museum collection

di Elisabeth Pennisi

Fonte: Science, 4 Aprile

Un report della U.S. N.S.F. invoca il sostegno del Governo per un progetto costosissimo di un database innovativo delle raccolte dei musei e collezioni naturali per i nuovi tipi di ricerca che potrebbe generare e il conseguente enorme impatto sociale.

Consulta l’articolo:

https://www.sciencemag.org/news/2019/04/report-urges-massive-digitization-museum-collections

 


 

 

Bébés OGM- des scientifiques demandent un moratoire

di Cécile Thibert

Fonte: Le Figaro, 14 Marzo

Dopo la condanna della comunità scientifica seguita alla nascita dei due primi bambini geneticamente modificati, un gruppo di ricercatori ha lanciato una moratoria di questi esperimenti, quando finalizzati a una nascita e senza il rispetto di certe condizioni, chiedendo anche la creazione di una istituzione internazionale.

Vedi allegato

 


 

Debate about birth of new neurons in adult brains extends to Alzheimer’s disease

Fonte: Nature, 25 Marzo

La formazione di nuovi neuroni nel cervello dell’uomo adulto è controversa e dibattuta. Certo è che la sperimentazione di metodi per promuovere la neurogenesi e fermare il declino cognitivo può essere utile a capire aspetti sconosciuti della malattia di Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative.

Consulta l’articolo:

https://www.nature.com/articles/d41586-019-00891-7

 


 

Un mentaliste 2.0 à l’écoute de vos pensées

di Stéphanie Benz

Fonte: L’Express, 13 Marzo

Dei ricercatori della Columbia University sono riusciti a decodificare le parole pensate da dei volontari grazie all’applicazione di elettrodi , abbinati a degli algoritmi, in grado di captare i segnali della corteccia uditiva. Una scoperta che restituirà la parola a chi l’ha persa.

Vedi allegato

 


 

Modified structure of protons and neutrons in correlated pairs

Fonte: Nature, 20 Febbraio

Il Dipartimento di Fisica dell’Università di Tor Vergata ha partecipato all’esperimento CLAS, una ricerca internazionale che potrebbe svelare delle incognite riguardo al cambiamento nella struttura dei quark e gluoni, gli elementi ultimi della materia,  quando si trovanoin stretta prossimità con nuclei circostanti.

Consulta l’articolo:

https://www.nature.com/articles/s41586-019-0925-9

Allegati