Chiarimento n.8

Procedura aperta divisa in 6 lotti per affidamento del servizio di gestione di n.6 punti ristoro bar presso l'Universita' degli Studi di Roma Tor Vergata con concessione in uso dei locali

In relazione all'appalto di cui al titolo, è pervenuta da parte di una Società una richiesta di chiarimento così sintetizzabile:

Quesiti
n.1 Elenco delle attrezzature e/o arredi di proprietà dell'Università ed elenco delle attrezzature e/o arredi di proprietà del gestore;

n. 2 Art.11 lettera L pagina 18 del Disciplinare di Gara viene chiesta "copia autentica di almeno una licenza/autorizzazione rilasciate ai sensi della vigente normativa per la gestione di esercizio bar, intestata all'impresa concorrente".
Dato che gli esercizi di attività come quelli oggetto della gara vengono gestiti sotto forma di appalti che prevedono subentri ad altre società, all'atto di subentro in un esercizio di tali attività, viene normalmente effettuata la Dichiarazione di sub ingresso nell'inizio di attività produttiva (D.I.A.P.), che vale come voltura di autorizzazione all'esercizio dell'attività in questione, intestata all'impresa interessata.
Tale dichiarazione, con apposto il timbro di accettazione del comune, è sufficiente per soddisfare il requisito di cui alla lettera L dell' art. 11 sopra citato?

Risposte
n.1 Facendo seguito alla risposta fornita nel chiarimento n. 3, al punto 6, si ribadisce che tutte le attrezzature e/o gli arredi presenti nei singoli punti ristoro sono di proprietà degli attuali gestori, ragion per cui non se ne possiede l'elenco;

n. 2 Quanto richiesto alla lettera L) dell'art. 18 del Disciplinare di gara - copia autentica di almeno una licenza/autorizzazione rilasciate ai sensi della vigente normativa per la gestione di esercizio bar, intestata all'impresa concorrente - costituisce un requisito soggettivo di abilitazione professionale indispensabile per la partecipazione alla presente gara e volto all'accertamento dell'idoneità e capacità dell'offerente allo svolgimento del servizio in questione.
Pertanto, ritenuto che la richiesta del predetto requisito soddisfi appieno i principi di ragionevolezza e di proporzionalità rispetto all'oggetto specifico dell'appalto, si conferma l'esigenza di acquisire in sede di gara il predetto documento anche mediante la presentazione della descritta dichiarazione di inizio per sub ingresso in attività produttiva (D.I.A.P), debitamente sottoscritta e timbrata in segno di autorizzazione all'esercizio da parte del Comune competente, per il trasferimento della gestione o titolarità di un esercizio di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande.

Il Responsabile del Procedimento
Dott. Giorgio Di Giorgio