Chiarimento n.20

Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia degli edifici dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata

In relazione all'appalto di cui al Titolo, è pervenuta da parte di una Società una richiesta di chiarimento così sintetizzabile:

 

Quesito : Con riferimento alla Vs. richiesta per emissione polizza in oggetto vi
evidenziamo quanto segue:
All'art. 10 punto A) comma d) si richiama la deroga dell'art. 1945 cc per il pagamento a semplice richiesta. Tale indicazione non risulta
correttamente esposta in quanto relativa a due situazioni diverse.
- Il semplice richiesta scritto è richiesto, ai sensi di legge, quale
indicazione formale del fatto che non dovrà essere prodotta prova, al
fidejussore, del diritto all'escussione del Contraente
- l'esonero dal 1945 cc è relativo al pagamento della somma garantita, anche in presenza di valide eccezioni da parte del contraente.
E' chiaro che sono conseguenti una all'altra ma da un punto di vista
formale sono sempre richiamate separatamente.
Vi chiediamo pertanto di chiedere chiarimenti sulla possibilità d omettere il richiamo all'art. 1945 cc come peraltro in uso nel DGL 163/2006.
Evidenziamo che se non chiarito quanto sopra difficilmente il mercato assicurativo potrà dare seguito alla vs. richiesta, in quanto non rilascia
usualmente tale deroga

Risposta: In esito al quesito proposto, nel rinviare a quanto disposto al riguardo dal comma 4, art.75 del D.Lgs 163/06 e s.m.i. in merito alle modalità di emissione del deposito cauzionale provvisorio, si informa che l'operatività della predetta polizza a semplice richiesta dell'amministrazione altro non è che una deroga all'art.1945 c.c.

Il Responsabile del Procedimento
Dott. Giorgio Di Giorgio