Museo Egizio, studio delle tecniche pittoriche con la fluorescenza a Raggi X

Un progetto interdisciplinare coordinato dall’Università di Roma “Tor Vergata”

Umanisti-archeologici e ricercatori delle discipline chimico fisiche insieme per la realizzazione del progetto per lo studio delle tecniche pittoriche e delle superfici dei manufatti del corredo funebre della tomba di Kha, a 110 anni dalla sua scoperta, grazie all'utilizzo non invasivo della fluorescenza a raggi X .

«Uno straordinario esempio di network di ricerca», ha sottolineato Carla Andreani, professore in Fisica Applicata all’Università di Roma “Tor Vergata” e direttore del Centro NAST.


Continua a leggere l'articolo su Notizie IN-C@MPUS e-magazine di Ateneo