Assoreti punta sulla formazione e assegna le borse di studio

Roma, 12 dicembre 2016 – Si è svolta lunedì 12 dicembre, presso l’Università di “Tor Vergata”, la cerimonia di assegnazione delle 5 Borse di Studio ASSORETI previste nell’ambito della Convenzione stipulata con l’Ateneo

Alla presenza del Magnifico Rettore, Giuseppe Novelli, e del Presidente dell’Associazione, Matteo Colafrancesco, si è svolta lo scorso 12 dicembre, presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, la cerimonia di assegnazione delle Borse di Studio ASSORETI, previste nell’ambito della Convenzione stipulata con il nostro Ateneo. A riceverle, 5 studenti del Corso di laurea in Economia e dei Mercati e degli Intermediari Finanziari: Domenico Alfidi, Roberto Cembalo, Mario Genco, Antonio Lotito e Adriano Montaldo.

In apertura, il prof. Novelli ha sottolineato come «oggi, grazie a Assoreti, abbiamo meglio compreso quale sia il compito di una positive university: una università che non deve fornire nozioni, bensì costruire competenze, anche innovative, creando opportunità di sviluppo e partnership con le altre istituzioni. Internazionalizzazione, intersettorialità e interdisciplinarietà rappresentano le nostre “tre i”, la nostra triplice direzione di marcia per proporre una formazione di qualità, attenta alle reali richieste della società e delle imprese. Importante risultato dell’attività di Terza missione di “Tor Vergata”, l’accordo con Assoreti rappresenta un fulgido esempio di come sia possibile creare un ponte tra il mondo del lavoro e una nuova “Accademia”, valorizzando insieme idee e talenti dei nostri giovani studenti, il nostro futuro».

Matteo Colafrancesco, Presidente dell’Assoreti, nel rivolgersi agli studenti, ha dichiarato che «l’attività che il consulente finanziario svolge quotidianamente è un’attività basata sulla relazione fiduciaria e sul “contatto umano” con la clientela che, combinati con la preparazione professionale, deve consentirgli di comprendere obiettivi, esperienze e conoscenze dei propri clienti. Riteniamo che la consulenza sia un percorso anche culturale e che il consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede sarà sempre più il consulente patrimoniale dell’investitore, il suo “fiduciario”».

Intervenuto anche Marco Tofanelli, Segretario Generale dell’Assoreti: “formare una generazione di professionisti capaci di misurarsi con le complessità dei nuovi scenari economico-finanziari e fornire risposte efficaci agli investitori: è questo l’obiettivo del percorso formativo dedicato al consulente finanziario delle “reti”, che ha già consentito a 30 studenti, accuratamente selezionati, di accedere a stage retribuiti messi a disposizione dalle Imprese associate ad Assoreti che hanno aderito all’iniziativa».