Sviluppo Sostenibile Marzo 2018

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Marzo 2018

United Nations Environment programme

Fonte: asvis.it, 15 Marzo

Questa iniziativa delle Nazioni Unite intende accrescere la consapevolezza negli individui e nelle istituzioni sui diritti ambientali, che fanno parte dei diritti umani e sono essenziali alla realizzazione dei SDGs, in particolare quelli riguardanti la salute , la sconfitta della fame, l’acqua pulita e i servizi sanitari.

Leggi l’articolo:

https://www.unenvironment.org/

 


 

The European Power Sector in 2017

Fonte: asvis.it, 20 Marzo

 

Questo report presenta lo stato della transizione energetica in Europa nel 2017, registrando per la prima volta il sorpasso delle rinnovabili sul carbone, ma con una crescita diseguale geograficamente e concentrata sull’eolico. Mentre le emissioni di CO2 sono rimaste invariate, si negozia il target del 35% di rinnovabili.

Vedi allegato

 


 

Global Trends Report on the Women’s Empowerment Principles

Fonte: https://www.unglobalcompact.org

 

The Women’s Empowerment Principles Annual Forum, che ha luogo ogni anno come parte della sessione annuale della Commissione ONU sullo stato delle donne, è ispirato dal ruolo fondamentale del settore privato nell’eguaglianza di genere, obiettivo finale ma anche mezzo per raggiungere  tutti gli SDGs.

Consulta l’articolo:

https://www.unglobalcompact.org/news/4377-03-15-2018

 


 

Help in surviving pregnancy

di Fenit Nirappil

Fonte: The Washington Post, 15 Marzo

La città di Washington ha costituito una commissione di indagine sulle cause della mortalità materna. Per quanto sorprendente in un Paese sviluppato, questa emergenza sembra associata a una varietà di malattie non trattate precocemente, ma anche a fattori economico-sociali, incluso purtroppo il razzismo.

Vedi allegato

 


 

World Happiness Report 2018

di John F. Helliwell, Richard Layard & Jeffrey D. Sachs

Fonte: United Nations Sustainable Development Solutions Network

Questo studio annuale esamina per la prima volta le conseguenze soggettive delle migrazioni, che non aumentano la felicità dei migranti. Tutti i Paesi nordici, con la Finlandia al top, presentano alti livelli di reddito, salute, supporto sociale, mentre la felicità degli USA è compromessa da obesità, droghe e depressione.

Vedi allegato


 

 

Mission-Oriented Research & Innovation in the European Union

di Mariana Mazzucato

Fonte: asvis.it, 6 Marzo

Le missioni di ricerca europee sfruttano la direzionalità dell’innovazione su sfide sociali come i SDGs. Le missioni rappresentano l’opportunità di capitalizzare la diversità europea di talenti, attingendo alle frontiere della conoscenza di differenti settori in un approccio mirato e di problem solving.

Vedi allegato

 


 

Action Plan: Financing Sustainable Growth

Commissione Europea

Fonte: asvis.it

Una volta accertato che le considerazioni ambientali e sociali nelle scelte di investimento piuttosto che preludere all’insuccesso economico sono la chiave della competitività, il passaggio a una finanza sostenibile richiede una chiara classificazione europea delle attività che possono ritenersi sostenibili.

Vedi allegato

 


 

Progress for every child in the SDG era

Fonte: https://data.unicef.org

Un futuro migliore incomincia oggi. Le dimensioni dei diritti dei bambini, rappresentate dai SDGs non sono scontate, dato il numero incredibile di bambini che esistono nel mondo, senza: il diritto di sopravvivere e crescere, di imparare, di essere protetti e non sfruttati, di vivere in un ambiente sano e pulito e di avere una chance nella vita.

Consulta l’articolo:

https://data.unicef.org/wp-content/uploads/2018/03/Progress_for_Every_Child_V4.pdf

 


 

OECD Toolkit for Mainstreaming & Implementing Gender Equality

Fonte: http://www.oecd.org

 

Questo documento è una guida ritagliata sulle istituzioni pubbliche su come implementare la sensibilità e le azioni sulla parità di genere attraverso politiche, legislazione e servizi mirati a obiettivi misurabili e realistici, concepiti sulla base di una visione trasversale ed egualitaria di crescita inclusiva e di benessere della società.

Vedi allegato

 


 

Only a social revolution will close the gender pay divide

Fonte: The Observer, 11 Marzo

 

Il gender pay gap è il risultato dell’aspettativa sociale che assegna alle donne il ruolo di assistenza familiare. Ingiustizie strutturali e non libera scelta sono alla base della prevalenza femminile nei lavori meno pagati e dell’assenza femminile nelle STEM.  La trasparenza dei salari è il primo passo verso il diritto autoevidente alla parità.

 Vedi allegato


 

How to close the pay gap – for good

di Cindy Robbins

Fonte: World Economic Forum

Mentre tutti parlano del gender pay gap, questo gap risulta in aumento, rivelando, nel momento in cui sempre più imprese vantano il raggiungimento dell’eguaglianza salariale, molti aspetti legati ai permanenti pregiudizi sessuali in materia di assunzioni e promozioni, che non possono essere risolti in un’ unica soluzione.

Vedi allegato

 


 

Strategic Engagement for gender Equality

Fonte: Commissione europea

L’eguaglianza tra uomo e donna è un valore fondamentale dell’UE, considerato come obiettivo politico e stimolo alla crescita. Le aree di azione prioritarie individuate dalla CE richiedono l’integrazione di una prospettiva di parità di genere in tutte le attività europee, come anche adeguati strumenti sia legislativi che finanziari.

 Vedi allegato

 


 

Turning promises into Action: Gender equality in the 2030 Agenda for Sustainable Development

Fonte: http://www.unwomen.org

In che modo il progresso verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile sta cambiando la vita delle donne e delle ragazze? Questo report presenta dati concreti che mostrano come le disuguaglianze di genere soggiacciono a ogni aspetto dell’Agenda 2030, la cui narrazione è universale e indivisibile dai diritti delle donne.

Consulta l’articolo:

http://www.unwomen.org/-/media/headquarters/attachments/sections/library/publications/2018/sdg-report-summary-gender-equality-in-the-2030-agenda-for-sustainable-development-2018-en.pdf?la=en&vs=949

 


 

Congé paternité, la clé de légalité

di Renée Greusard & Nolwenn Le Blevennec

Fonte: L’Obs, 1 Febbraio

Il governo francese si appresta a considerare l’allungamento del congedo parentale, riconosciuto ai padri da una legge di Segolène Royal, ma non obbligatorio: uno strumento che aiuterebbe le donne nella loro carriera lavorativa, e farebbe bene alla maternità e allo sviluppo del bambino.

Vedi allegato

 


 

En finir avec les violences obstétricales

Fonte: L’Obs, 4 Gennaio

Nonostante le raccomandazioni dell’OMS, molti parti avvengono senza rispetto per la dignità della donna, sottoposta troppo spesso a una serie di costrizioni e di atti medici, inutili e non soggetti ad adeguato controllo, che una giurista belga propone di definire come “violenza ostetrica”.

Vedi allegato

 


 

Every child alive. The urgent need to end newborn deaths

Fonte: https://www.unicef.org

Ogni anno 2.6 milioni di neonati e altri 2.6 milioni di bambini nati morti e mai registrati potrebbero essere salvati da una volontà politica generale che garantisca l’accesso universale a servizi e prodotti sanitari adeguati, cominciando dai gruppi più marginali dei Paesi a basso reddito e dall’empowerment delle madri nei loro diritti.

Consulta l’articolo:

https://www.unicef.org/publications/files/Every_Child_Alive_The_urgent_need_to_end_newborn_deaths.pdf

 


 

SDG Watch Europe : “un test di sostenibilità” in tutte le future normative Ue

di Giulia D’Agata

Fonte: asvis.it, 23 Febbraio

SDG Watch Europe propone una riforma del quadro finanziario pluriennale in modo da implementare la coerenza politica europea nel perseguire gli obiettivi economici, sociali e ambientali degli SDGs e utilizzare tutte le potenzialità trasformative, centrate sulla persona e sostenibili del progetto europeo.

Consulta l’articolo:

http://asvis.it/public/asvis/files/Political_letter_final.pdf

 


 

Summary for Policy Makers

di Myles Alle, Anna Pirani etc.

Fonte: asvis.it, 27 Febbraio

Questo documento descrive lo stato attuale e le prospettive future, in relazione all’Accordo di Parigi sul clima, del riscaldamento globale indotto dall’uomo e il suo impatto sull’aumento del livello delle acque, sui sistemi naturali e le comunità umane, rappresentando il problema di ridurre anche le emissioni negative.

Vedi allegato

 


 

De l’utilité de la Genève internationale

di Stéphane Bussard

Fonte: Le Temps, 27 Febbraio

 

Di fronte al pericolo nucleare occorre ritrovare il senso della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, che dopo 70 anni esprime più che mai il rifiuto della guerra come strumento di risoluzione dei conflitti. Occorre evitare il rischio che la burocrazia soffochi lo spirito dell’ONU, come anche del progetto europeo.

Vedi allegato

 


 

Zero Discrimination Day

Fonte: http://www.un.org

Questa campagna contro la discriminazione per qualsiasi causa intende puntare l’attenzione su situazioni quotidiane in cui la disinformazione e la paura dell’ignoto, oppure legislazioni statali o politiche violano i diritti delle persone a dispetto degli obblighi internazionali.

Consulta l’articolo:

http://www.unaids.org/sites/default/files/media_asset/20180222_ZDD_brochure.pdf

Allegati