Ricerca, Scienza e Conoscenza Settembre 2018

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Settembre 2018

EU Copyright Reform: European Parliament vote is a missed opportunity to bolster R&I

Fonte: https://www.eua.eu, 13 Settembre

L’Eua rileva la mancata opportunità di introdurre una più ampia eccezione per il Text and Data Mining a scopi di ricerca, innovazione e educazione all’art. 3 della Direttiva europea sul copyright, così come altri emendamenti che avrebbero creato un ambiente favorevole alla crescita e alla competitività europea.

Consulta l’articolo:

https://www.eua.eu/news/150:eu-copyright-reform-european-parliament-vote-is-a-missed-opportunity-to-bolster-r-i.html

 


 

What’s the point of scholarly academies?

di David Matthews

Fonte: Times Higher Education, 15 Settembre

Secondo Antonio Loprieno, Presidente della Allea (All European Academies), le università oggi sono soffocate dalla competizione dei ranking e dal bisogno di soldi. Il problema della ricerca non riguarderebbe i finanziamenti, ma il suo sistema di incentivi e promozioni.

Consulta l’articolo:

https://www.timeshighereducation.com/news/whats-point-scholarly-academies

 


 

Regulation of academics “has undermined public trust”. Di David Matthews

Fonte: Times Higher Education, 9 Giugno

Secondo All European Academies lo sviluppo di una cultura manageriale di rendicontazione dell’impatto sociale, e di regolamentazione secondo criteri quantitativi e finalità politiche della ricerca ha ridotto l’autonomia e l’autorevolezza della scienza nella pubblica opinione.

Consulta l’articolo:

https://www.timeshighereducation.com/news/regulation-academics-has-undermined-public-trust

 


 

European science funders ban grantees from publishing in paywalled journals

di Martin Enserink

Fonte: Science, 4 Settembre

11 Agenzie nazionali europee hanno annunciato che entro il 2020 i prodotti della ricerca che esse finanziano non potranno più essere pubblicati su riviste a pagamento né ad accesso differito, spingendo sia i ricercatori che gli editori a una transizione effettiva all’Open Access.

Consulta l’articolo:

http://www.sciencemag.org/news/2018/09/european-science-funders-ban-grantees-publishing-paywalled-journals?utm_campaign=news_daily_2018-09-04&et_rid=347299100&et_cid=2349111

 


 

No easy way to clarify higher education quality

di Ellen Hazelkorn, Hamish Coates and Alexander Mc Cormick

Fonte: University World News

La globalizzazione e democratizzazione dell’istruzione terziaria ha posto il problema di stabilire i criteri di valutazione della qualità della didattica e della ricerca. Decenni di dibattiti non sono riusciti a stabilire un metodo generale, che accontenti gli interessi non solo accademici, ma anche commerciali e governativi in gioco.

Consulta l’articolo:

http://www.universityworldnews.com/article.php?story=20180911150857190

 


 

 

World Class How to build a 21st-Century school system

di Andreas Schleicher

Fonte: http://www.oecd.org/

Nell’era digitale, la domanda di conoscenza e competenze è in crescita, insieme alla richiesta di forti valori, empatia e cittadinanza. Il successo di PISA ha dimostrato che le sfide educative non possono più essere affrontate da ciascun Paese per conto proprio.

Consulta l’articolo:

https://read.oecd-ilibrary.org/education/world-class_9789264300002-en#page1

 


 

Open Access by 2020: EUA supports Plan S for an open scholarly system

Fonte: https://eua.eu

L’Eua saluta Plan S, l’iniziativa che promuove la pratica dell’Open Science, su cui dovrebbero basarsi la valutazione della ricerca pubblica, la valutazione delle carriere e il reclutamento dei ricercatori, nella prospettiva di un sistema più aperto e competitivo.

Consulta l’articolo:

https://eua.eu/component/attachments/attachments.html?id=1293

 


 

Richard Arum: don’t blame me for the rise of “edusceptics”

di Jack Grove

Fonte: Times Higher Education, 10 Settembre

 

Uno studio controverso sull’apprendimento universitario scritto da un accademico collega il declino delle ore di studio indipendente dei giovani Americani al declino della democrazia. Smontando il luogo comune che l’istruzione universitaria è sempre meglio, Academically Adrift discute su come misurare i risultati educativi.

Consulta l’articolo:

https://www.timeshighereducation.com/news/richard-arum-dont-blame-me-rise-edusceptics

 


 

THE developing ranking based on Sustainable Developments Goals

di Ellie Bothwell

Fonte: Times Higher Education, 6 Settembre

Un nuovo ranking universitario globale ispirato allo sviluppo sostenibile che sarà lanciato in Aprile 2019, includerà misurazioni orientate inizialmente su 11 SDGs e basate su dati che verranno raccolti dalle università e da Elsevier a partire da questo autunno.

Consulta l’articolo:

https://www.timeshighereducation.com/news/developing-ranking-based-sustainable-development-goals

 


 

Too much academic research is being published

di Philip G. Altbach & Hans de Wit

Fonte: University World News

L’esplosione di pubblicazioni scientifiche ha strozzato il sistema di peer review, spostando la valutazione della ricerca dalle università alle riviste a vantaggio di editori predatori. Ridurre il numero di pubblicazioni garantirebbe una maggiore qualità del lavoro scientifico e una considerazione globale del lavoro universitario.

Consulta l’articolo:

http://www.universityworldnews.com/article.php?story=20180905095203579


 

Sustainability, efficiency and effectiveness

Fonte: https://eua.eu

L’Eua invita i governi nazionali ad attribuire maggior peso agli investimenti nella ricerca, auspicando per il futuro una combinazione di schemi europei e statali di finanziamento, data la limitata copertura dei costi  sopportati dalle università che partecipano ai progetti comunitari.

Consulta l’articolo:

https://eua.eu/resources/campaigns/8-eu-funding-for-universities.html

 


 

Towards a global hub of collaborative research

di Thomas Ekman Jørgensen

Fonte: University World News, 13 Agosto

La base legale di accesso a Horizon Europe per i Paesi che non sono geograficamente vicini all’Europa può essere data da accordi di associazione, aperti alla partecipazione globale a condizione del rispetto di certi requisiti, con il risultato di creare una rete mondiale di scambi e di formazione nella ricerca.

Consulta l’articolo:

http://www.universityworldnews.com/article.php?story=20180829101810712

 


 

Higher education and the “new model of learning”

di Amar Toor

Fonte: http://www.oecd.org/, 8 Agosto

L’educazione terziaria è oggi il punto di partenza di una formazione che non finisce mai, e non sappiamo dove ci porta. La funzione di una corso di laurea è dare le fondamenta di una disciplina, ma anche l’agilità per muoversi tra diversi settori e in nuovi orizzonti di conoscenza.

Consulta l’articolo:

http://oecdeducationtoday.blogspot.com/2018/08/higher-education-learning-new-model-colm-harmon-interview.html

 


 

The publication game leads to trivial pursuits

di Adam Graycar

Fonte: Times Higher Education, 23 Agosto

L’imperativo di pubblicare sin dall’inizio della propria formazione solo su riviste top-ranked chiude l’accademia in un sistema non necessariamente meritocratico, in cui la sofisticatezza del metodo conta più del contenuto, togliendo linfa vitale alla produzione e allo scambio culturale.

Consulta l’articolo:

https://www.timeshighereducation.com/opinion/publication-game-leads-trivial-pursuits

 


 

Radical open access plan could spell end to journal subscriptions

di Holly Else

Fonte: Nature, 4 Settembre

11 agenzie di finanziamento alla ricerca, guidate dal delegato  CE per l’open access Robert-Jan Smits, hanno lanciato un piano per rendere gratuiti e riutilizzabili gli articoli da esse finanziati sin dal momento della stampa, boicottando riviste autorevoli e distaccandosi dal corrente modello di pubblicazione “ibrido”.

Consulta l’articolo:

https://www.nature.com/articles/d41586-018-06178-7