Seconda edizione della Festa dello Sport del 27 maggio 2010

Lettera del Prof. Antonio Lombardo, delegato del Rettore per le attività sportive

Roma, 28 maggio 2010

Gentili signori,

la seconda edizione della Festa dello Sport a Tor Vergata che si è svolta il 27 maggio, ha segnato un positivo livello di maturità e crescita del gruppo che lo scorso anno ha voluto dar vita a questa iniziativa.

Tante sono state le conferme, ma ancora di più le nuove partecipazioni di Federazioni, Associazioni e Società sportive che hanno compreso e sposato il progetto sul quale si fonda la nostra Festa: far conoscere e praticare discipline note e meno note, aprire l'Ateneo al territorio, coinvolgere tante diverse fasce di età, diffondere i valori dell'etica e della sana competizione in special modo tra i giovani.

Dall'apertura con l'esibizione di oltre 800 anziani dei Centri dell'VIII Municipio, alle esibizioni di piccoli e piccolissimi nelle arti marziali, dagli studenti cinesi e indiani che si sfidavano a badminton e non solo, alle performance della sera anche di atleti con disabilità, tutto ha contribuito a suggellare un processo di sviluppo ormai avviato per l'Ateneo di Tor Vergata di essere già nei fatti la Città dello Sport.

Molti forse sanno che il sabato e la domenica il nostro Campus è pacificamente invaso per la libera pratica del ciclismo, del kite, della camminata, del pic nic, ma ciò che si offre, grazie al contributo di tutti voi, nella giornata dedicata allo sport è qualcosa di diverso.

E' strumento di conoscenza e occasione di vivere l'Università in maniera più partecipata e attiva e lo apprezzano gli studenti in primis, ma anche i docenti quando anche si vedano rubata un'ora per via della musica della lezione di fitness o per la cronaca della scherma sotto le finestre della propria aula.

La formula è stata premiata e quest'anno all'apertura c'erano numerose istituzioni ed in chiusura gli studenti si sono trattenuti, seppure stanchi di tutta la giornata, ed hanno continuato a manifestare entusiasmo e gioia.

Le discipline sono state più di 30, i partecipanti oltre 5.000, i volontari 105, gli sponsor e i partner circa 40. Grandi numeri che crescono e che hanno spinto anche altri Atenei romani a proporre iniziative similari seppure con formule diverse e soprattutto meno estese e coinvolgenti: la nostra è l'unica iniziativa comunque che punta molto sull'apertura all'esterno e non cerca solo un'autoreferenzialità.

Contiamo però per il prossimo anno di apportare delle importanti novità per rafforzare i contenuti del progetto, cercando sempre più di includere e non escludere anche le stesse università romane e non, perché lo sport è e deve restare strumento di dialogo e opportunità di partecipazione.

Ci auguriamo per questo di continuare le collaborazioni instaurate e di trovare sulla strada nuovi amici che vorranno sostenerci e accompagnarci in questo percorso.

Cordialmente

Prof. Antonio Lombardo

Le immagini della manifestazione sono visibili sul seguente sito: http://www.diddi.it