Nasce l'allenza tra istituzioni e società scientifiche obiettivo: ridurre del 20% le malattie croniche

Al Senato la firma per istituire l'Health Prevention Institute

NASCE L'ALLENZA TRA ISTITUZIONI E SOCIETÀ SCIENTIFICHE
OBIETTIVO: RIDURRE DEL 20% LE MALATTIE CRONICHE

Diabete, cancro e cardiopatie colpiscono milioni di italiani. E sono in costante aumento. Gli strumenti di monitoraggio della SIMG e dell'Università di Roma 'Tor Vergata' per mantenere in salute i cittadini

Roma, 29 novembre 2011 - Un nuovo modello di prevenzione per ridurre del 20% entro i prossimi 10 anni le malattie che non guariscono e che devono essere seguite sul territorio. Le patologie croniche non trasmissibili (diabete, cardiopatie, ictus, cancro, disturbi respiratori cronici) ogni anno colpiscono in massa gli italiani: sono circa 3,9 milioni i diabetici, 2milioni e 250mila vivono con una diagnosi di tumore. Ancora più alto è l'impatto delle malattie cardiovascolari, la prima causa di morte nel nostro Paese, con circa 250.000 decessi ogni anno (il 40% del totale). La situazione è allarmante, anche per i riflessi di carattere sociale ed economico. Circa l'80% di queste malattie potrebbe essere prevenuto eliminando alcuni fattori di rischio come il consumo di tabacco, la dieta poco sana, l'inattività fisica e l'abuso di alcol, ma senza un'adeguata prevenzione il loro peso sulla salute globale potrebbe crescere del 17% nei prossimi 10 anni. Per delineare nuove strategie di prevenzione, basate su innovativi sistemi di monitoraggio e campagne di sensibilizzazione, nasce oggi l'Health Prevention Institute, il primo progetto in Italia di questo tipo, con la firma di un accordo di programma tra l'Associazione parlamentare per la tutela e la promozione del diritto alla prevenzione, l'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata", la Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) e la Fondazione "Livio Patrizi"."Abbiamo avviato un progetto di alleanza istituzionale con organizzazioni accademiche e scientifiche che sono in grado di fornire strumenti d'analisi utili a valutare i meccanismi assistenziali, economici, clinici, sociali in atto in Italia - afferma il sen. Antonio Tomassini, Presidente della XII Commissione Igiene e Sanità del Senato -. Le Istituzioni devono impegnarsi sul fronte della prevenzione attraverso strategie mirate. È necessario sviluppare politiche di sanità pubblica volte a rimuovere gli elementi che favoriscono lo sviluppo delle patologie croniche non trasmissibili". Verrà realizzato un report annuale nazionale sullo stato di attuazione delle politiche sanitarie, assistenziali e sociali volte alla prevenzione. "Restare a guardare è costoso e inaccettabile - spiega il dott. Claudio Cricelli, presidente SIMG -. Vogliamo ridurre del 20% l'impatto di queste malattie, i mezzi di controllo sono noti e sperimentati. Individueremo una road map nazionale in grado di tracciare le priorità di intervento. Metteremo a disposizione gli strumenti di monitoraggio che abbiamo sviluppato in questi anni, in particolare Health Search. Nato per raccogliere informazioni sui comportamenti dei medici, Health Search è un database che si è evoluto fino a offrire uno spaccato degli effetti degli interventi di cura. Oggi rappresenta un sistema di valutazione dei costi sanitari 'pesati' per risultati, uno strumento essenziale per favorire il governo clinico del sistema".

"L'Università 'Tor Vergata' - sottolinea il Rettore, prof. Renato Lauro - dispone di dipartimenti di ricerca clinica, epidemiologica ed economica in campo sanitario, in grado di monitorare costantemente l'evoluzione del sistema sanitario nazionale e, in particolare, l'impatto delle malattie croniche, per questo ha costituito al suo interno l'Italian Barometer Diabetes Observatory. Con SIMG è stato inoltre avviato il progetto Sissi, modello di simulazione dei costi sanitari messo a punto in collaborazione con il Ceis di Tor Vergata". Verranno creati tavoli di lavoro con Istituzioni pubbliche, scientifiche e con i rappresentanti delle associazioni dei pazienti, per individuare le strategie idonee alla prevenzione. Tra gli obiettivi dell'Health Prevention Institute anche un think tank in grado di sviluppare un pensiero strategico su queste patologie. "È essenziale realizzare campagne di sensibilizzazione rivolte ai cittadini - conclude la dott.ssa Maria Patrizia Patrizi, presidente della Fondazione 'Livio Patrizi' -. Finanzieremo anche ricerche economiche, epidemiologiche, sociali, sanitarie e cliniche". Spesso si crede che le morti per malattie croniche interessino solo le persone più anziane, ma non è vero. A livello globale provocano ogni anno circa 35 milioni di decessi: di questi, 16 milioni riguardano persone al di sotto dei 70 anni di età. Inoltre, nei Paesi a reddito medio-basso questo accade in fasce d'età molto più basse rispetto alla nazioni più sviluppate.

Ufficio stampa SIMG
Intermedia
030.226105
intermedia@intermedianews.it

Ufficio stampa
Università di Roma "Tor Vergata"
Dr. Sandro Lomonaco
06.72592709
ufficio.stampa@uniroma2.it