La scienza italiana premiata a Kyoto

Si rafforza la sinergia tra realtà accademiche e produttive nel campo delle nanotecologie. Consegnati, a Kyoto, in Giappone, i premi "Marco Polo della Scienza Italiana" a tre scienziati italiani che si sono distinti non solo per la qualità della loro ricerca scientifica nelle nanotecnologie ma anche per il loro impegno nella promozione di progetti di ricerca congiunti e di network scientifici tra Istituzioni italiane e giapponesi. Tra di loro Aldo Di Carlo, professore di optoelettronica al dipartimento di Ingegneria Elettronica dell'Università di Roma "Tor Vergata".

La premiazione si è svolta nel corso del Seminario "Collaborazione scientifica e industriale tra Italia e Giappone nel campo delle Nanotecnologie", dedicato agli aspetti scientifici ma anche allo sviluppo delle collaborazioni Italia-Giappone in questo settore altamente strategico e svoltosi recentemente presso l'Oriental Garden a Kyoto. I premi sono andati ad Aldo Di Carlo, professore di optoelettronica al dipartimento di Ingegneria Elettronica dell'Università di Roma "Tor Vergata", a Marco Bettinelli, professore di chimica al dipartimento di Biotecnologie dell'Università di Verona, e a Francesco Gonella, professore di fisica al dipartimento di Scienze Molecolari e Nanosistemi dell'Università Ca' Foscari di Venezia. Durante il seminario - patrocinato dal Consolato Italiano, dall'Ambasciata Italiana in Giappone e dall'Istituto di Cultura Italiana a Osaka e organizzato dal prof. Giuseppe Pezzotti del Kyoto Institute of Technology e dal prof. Alvise Benedetti del Consorzio Interuniversitario Veneto per le Nanotecnologie, con il contributo del dr. Francesco D'Acapito del CNR - il Console Generale Maria Andrea Vattani e il Sindaco di Kyoto Daisaku Kadogawa hanno consegnato personalmente i premi "Marco Polo della Scienza Italiana" ai tre scienziati italiani, che si sono distinti non solo per la qualità della loro ricerca scientifica in campo nanotecnologico, ma anche per il loro impegno pluriennale nella promozione di progetti di ricerca congiunti e di network scientifici tra Istituzioni italiane e giapponesi. Alla giornata di studi, a cui ha partecipato anche il Direttore dell'Istituto Italiano di Cultura a Osaka, Luigi Romani, sono intervenuti alcuni tra i maggiori scienziati che a Kyoto svolgono attività nel campo delle nano scienze ed erano presenti alcuni dei massimi esponenti giapponesi della ricerca scientifica in ambito accademico sulle nanoscienze, nonchè i rappresentanti dell'imprenditoria e delle grandi aziende giapponesi legate alla R&D nanotecnologica.. Le sinergie individuate, integrando ricerca di base, applicazioni tecnologiche e innovazione produttiva, rappresentano il terreno ideale per lo sviluppo e il rafforzamento dei rapporti culturali tra Italia e Giappone, e rappresentano il naturale completamento dei tradizionali legami storici e culturali con il Giappone che le Istituzioni diplomatiche italiane portano avanti da molti anni in campo umanistico.

Roma, 5 dicembre 2011

Ufficio Stampa d'Ateneo
Università di Roma "Tor Vergata" via O.Raimondo, 18 00173 Roma -Tel. +39 06 72592709 - Fax + 39 0672593750 ufficio.stampa@uniroma2.it