Prix Italia 2019 - YLAB, i video-racconti degli studenti su Roma tra inclusione e identità

Si è tenuta il 23 settembre, giornata d’inaugurazione della 71esima edizione del Prix Italia, il concorso internazionale per programmi e progetti di qualità, Radio, TV e Web organizzato dalla RAI, la presentazione del contest YLab - Young Laboratory, la piattaforma educativa  dell Prix Italia. Quest'anno il contest dedicato agli studenti della città che ospita il concorso, ha avuto come tema "Roma e il suo territorio”. Brevi racconti multimediali, ciascuno della durata di 90 secondi, realizzati dagli studenti dell’Università Roma "Tor Vergata", Sapienza, Roma Tre e John Cabot per raccontare Roma e i romania emittenti radiotelevisive e a giornalisti di tutto il mondo. La presentazione dei lavori YLab si è svolta presso la Casa dei Cavalieri di Rodi, nella Sala delle Cariatidi, in Piazza del Grillo. L’incontro di presentazione, “Racconti Romani, spunti di vista sul territorio”, moderato da Angelo Mellone, Capostruttura RaiUno, ha visto la partecipazione del Capo Cronaca Roma di “Repubblica”, Stefano Costantini e di Karina Laterza, Segretario Generale del Prix Italia.

Gli studenti delle Università, per la prima volta, fanno parte della giuria incaricata di valutare la qualità dei programmi Web. Inoltre, nel ruolo di una newsroom dinamica, seguiranno da vicino i lavori e i workshop durante l’intera manifestazione (23-28 settembre), anche da dietro le quinte.

Dai video realizzati dagli studenti, su una città complessa come Roma, oltre alla ricchezza del patrimonio artistico-culturale, sono emersi temi come l’inclusione e l’offrire spettacolo, “l’accoglienza è nel DNA di Roma” ha sottolineato Stefano Costantini, “e Roma e per tradizione è una città che offre spettacolo, in particolare attraverso forme artistiche che si esprimono nella strada”. Uno sguardo più tecnico quello di Angelo Mellone che è intervenuto sull’uso della tecnologia per riprese di qualità e sulle modalità narrative, portando l’attenzione su inquadrature e prospettive. Sebbene in alcuni lavori dei giovani videomaker siano presenti impianti narrativi ben definiti, un po’ in tutti emerge una visione della Roma multiculturale come una “bella cornice” in cui manca “il conflitto”, con il rischio di una “disarticolazione delle culture comunitarie e dell’identità”, ha commentato Mellone.

I dieci studenti di Roma “Tor Vergata”, che hanno aderito al progetto, rappresentano un gruppo eterogeneo, provenendo da Economia, Lettere e Giurisprudenza. Sotto laguida della prof. Simonetta Pattuglia, docente di Marketing, Comunicazione e Media alla facoltà di Economia di “Tor Vergata” e coordinatrice per l’Ateneo del progetto YLab, gli studenti hanno collaborato tra loro, all’interno di gruppi e/o individualmente, all’ideazione e alla realizzazione dei video oggetto del contest.

« I nostri studenti sono a cavallo tra i Millenials e la generazione Z – ha dichiarato la professoressa Simonetta Pattuglia – una generazione che pone molta attenzione alla autenticità. Dai loro video emergono ombre interessanti da cui vengono fuori attitudini e modi di pensare la città e il territorio». Il laboratorio è stato realizzato grazie alla collaborazione dei docenti di Lettere, Marina Faccioli e Carmela Morabito, e di Ingegneria, Marcello Salmeri.

Tutte le clip realizzate dagli studenti verranno caricate sul sito Rai del Prix Italia.

Il Prix Italia si svolge ogni anno nel mese di settembre, in una città italiana d'arte e di cultura. Il Premio è anche l'occasione per approfondire temi legati al mondo dei media e dell'attualità attraverso gruppi di lavoro e panel aperti al pubblico.

Notizie correlate

Tor Vergata al Prix Italia 2019

Guarda le interviste agli studenti Rai3 Tgr - Prix Italia (23/09/2019)