Ottobre Cultura e Società

Leggi gli articoli selezionati nel mese di Ottobre 2016

Bringing light to the grey economy

Fonte: The Economist, 15 Ottobre

 

 

Il passaggio da una economia informale a un’economia formale è una sfida per molti Paesi, la chiave per la crescita e la lotta alla povertà in tutto il mondo. Per ridurre il sommerso, i Governi devono tagliare la burocrazia, ridurre le tasse, combinare riforme strutturali e incentivi tecnologici.

 Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/international/21708675-new-technology-may-persuade-informal-businesses-and-workers-become-formal-bringing-light

 


 

When a bubble is not a bubble

Fonte: The Economist, 15 Ottobre

 

 

Il mercato immobiliare cinese è in una bolla, con i prezzi delle proprietà saliti freneticamente per tutto il Paese. Gli anni passati hanno dimostrato l’impatto del mercato delle case cinesi sulla economia globale. Particolarmente preoccupante è l’aumento dei mutui.

 Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/finance-and-economics/21708674-severe-imbalance-land-supply-fuels-chinas-wild-property-market-when-bubble

  


 

Insanely virtual

Fonte: The Economist, 15 Ottobre

 

 

La Cina è il mercato di realtà virtuale più importante al mondo, per uso più commerciale che privato. Le compagnie immobiliari usano la realtà virtuale per vendere le proprietà oltremare o non ancora costruite. Software and hardware di RV sono usati nelle scuole.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/business/21708715-china-leads-world-adoption-virtual-reality-insanely-virtual

 


 

 

Presentazione del libro di Pietro Bartolo “Lacrime di sale”

Fonte: www.pietrograsso.org, 13 Ottobre

 

 

Il Presidente del Senato, come anche la nostra università, ha voluto incontrare Pietro Bartòlo, il medico che ha accolto 300.00 migranti e migliaia di morti. L’esperienza di Lampedusa dimostra che l’Europa, se non accoglie questa sfida, rischia un declino culturale, morale e geopolitico immemore delle sue radici.

 Consulta l’articolo:

http://www.pietrograsso.org/presentazione-del-libro-di-pietro-bartolo-lacrime-di-sale/

 


 

 Bob Dylan wins a Nobel prize

Fonte: The Economist, 13 Ottobre

 

 

Il premio Nobel è stato riconosciuto al cantautore che influenzò generazioni di compositori con i suoi versi, scritti per essere accompagnati da strumenti musicali come lo erano quelli degli antichi Greci e che trasformano un pensiero intellettuale di protesta, politico e sulla umanità in musica e poesia.

 Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/blogs/prospero/2016/10/knockin-history-s-door

 


 

 

Weapons of crass construction

Fonte: The Economist, 8 Ottobre

 

 

Le parolacce sono un fenomeno panlinguistico, le cui fonti di ispirazione sono universali: la religione, il sesso, le scorie del corpo e gli insulti. Gli Stati si difendono a colpi di multe contro queste armi improprie, che hanno  effetti degni di essere studiati perché gettano luce negli angoli più reconditi della natura umana.

 Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/books-and-arts/21708207-most-swearing-perfectly-harmless-weapons-crass-construction

 


 

Fifty Shades, Sahel-style

Fonte: The Economist, 8 Ottobre

 

 

Nei mercati che vendono grano e nelle bancarelle di strada della Nigeria musulmana circola una letteratura “rosa” che, lungo il filo di virtuosi racconti esemplari sulla vita domestica in stile Cenerentola, parla dei matrimoni delle bambine e  di poligamia , dando voce alle donne oppresse.

 Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/middle-east-and-africa/21708268-northern-nigerias-subversive-love-literature-fifty-shades-sahel-style

 


 

How one company is defying Italy’s opera curse

Fonte: The Economist, 10 Ottobre

 

 

L’Opera italiana è in dissesto finanziario, e solo tre teatri- La Scala, il Teatro Regio di Torino e la Fenice di Venezia- sono solventi. Poiché le sovvenzioni pubbliche vanno diminuendo, il direttore musicale del Teatro Regio ha preso l’iniziativa di un fundraising nel distretto industriale della città, e il suo teatro è rinato.

 Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/blogs/prospero/2016/10/money-and-maestros

 


 

 

A tale of two ethics

Fonte: The Economist, 1 Ottobre

 

 

Molti discorsi sulla politica utilizzano l’antitesi weberiana  tra l‘etica delle convinzioni e l’etica della responsabilità, attribuite rispettivamente alla sinistra e ai conservatori. Nella “welcome culture” dell’Europa contemporanea le due posizioni perdono la tradizionale appartenenza politica.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/europe/21707959-why-many-germans-think-impractical-idealism-immoral-tale-two-ethics

 


 

Global Citizen Festival: a mash-up of music fans, bands and prime ministers

Fonte: The Economist, 1 Ottobre

 

 

A Settembre a New York si tiene un festival musicale consacrato alla povertà estrema. I biglietti si guadagnano firmando delle petizioni online sull’accesso a vaccini, istruzione e acqua pulita nel Sud del mondo, che costringono i leader mondiali a rispondere e ad agire.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/blogs/prospero/2016/10/smartphone-philanthropy

 

 


 

 

The low-rate world

Fonte: The Economist, 24 Settembre

 

 

 

 Tra i macroeconomisti di questa generazione si discute sulla utilità e le responsabilità della politica dei bassi tassi di interesse, attribuita alle banche centrali durante la crisi finanziaria per dare respiro a una economia fiacca ma a spese dei risparmiatori. E’ venuto il momento di girare la palla ai governi..

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/leaders/21707533-central-banks-have-been-doing-their-best-pep-up-demand-now-they-need-help-low-rate-world

 


 

 

10 October European Day against death penalty

Fonte: http://www.coe.int/en/web/portal

 

La Giornata europea contro la pena di morte, celebrata il 10 Ottobre, è stata dichiarata nel 1997 dal Consiglio d’Europa, pioniere nel processo di abolizione delle sentenze capitali  che ha portato il nostro Continente all’avanguardia dei diritti umani.

 Consulta l’articolo:

http://www.coe.int/en/web/portal/10-october-against-death-penalty

  


 

 

Remembering the swinging, sit-in Sixties

Fonte: The Economist, 21 Settembre

 

 

Una importante mostra a Londra ci riporta indietro ai mitici Sixties, anni di controcultura e musica, la forza di una generazione legata ai movimenti politici e alla protesta, e che devono la loro aura  anche alla moda e al glamour di un sistema di vita diventato sempre più consumistico.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/blogs/prospero/2016/09/pop-protest

 


 

Rediscovery

Fonte: The Economist, 24 Settembre

 

 

Le più importanti gallerie del mondo stanno presentando i lavori di artisti neri, e l’arte afroamericana è un materiale finora sottovalutato che il mercato sta divorando. Mentre ci chiediamo come è possibile che certi artisti  siano caduti nel dimenticatoio perchè neri, eccoci una versione differente dell’arte occidentale, e un’altra America.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/books-and-arts/21707510-how-forgotten-african-american-artists-are-coming-back-mainstream-rediscovery

  


 

 Hidden in plain sight

Fonte: The Economist, 24 Settembre

 

 

L’abilità linguistica include una conoscenza profonda della propria lingua madre, tanto da conoscere le regole di grammatica anche quando pensiamo di non conoscerle. Compito dei linguisti non è di vietare l’uso scorretto di queste regole nascoste, ma di capire come funziona la mente umana attraverso il linguaggio.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/news/books-and-arts/21707509-most-people-dont-know-they-know-most-grammar-they-know-hidden-plain-sight

 


 

 

The story of Shakespeare and Company, a purveyor and part of literary history

Fonte: The Economist, 26 Settembre

 

 

Un libro racconta la storia della libreria Shakespeare and Company, una istituzione letteraria dal 1919, che ha ospitato fisicamente i più grandi scrittori viventi a volte pubblicando i loro lavori, insieme a due sue riviste. L’impero dei computer e di Internet non è un posto per  le librerie, e forse neanche per certa letteratura.

Consulta l’articolo:

http://www.economist.com/blogs/prospero/2016/09/scribblers-sanctuary